Mediaset: Vivendi avvia cause in Spagna e in Olanda

Dopo aver deciso di non esercitare il recesso, restando nell’azionariato di Mediaset sia con il 9,9% detenuto direttamente, sia con il 19% abbondante ‘congelato’ nella fiduciaria Simon, Vivendi torna all’attacco della holding tv di Cologno e del suo progetto Media For Europe passando per vie legali, ad ampio raggio.

Una causa, ha comunicato Mediaset, è stata avviata a Madrid contro l’assemblea che ha dato il via alla fusione dell’Espana con la controllante italiana, l’altra in Olanda, contro diversi punti dello statuto di Mfe.
In Spagna la prima udienza avrà luogo il 2 ottobre 2019.
Nel procedimento giudiziario preliminare in Olanda, spiega ancora la nota, Vivendi ha chiesto “al giudice, tra l’altro, di vietare a Mediaset Investment (la società che olandese) l’introduzione delle disposizioni previste degli articoli 13 (Disposizioni relative alle azioni di voto speciali), 42 (Obblighi degli azionisti) e/o 43 (Richiesta di offerta obbligatoria) nello statuto sociale previsto dal piano di fusione. L’udienza è stata fissata per il 16 ottobre 2019”.

Nel colage (foto Ansa), da sinistra: Vincent Bollorè e Pier Silvio Berlusconi

Sempre sul fronte legale, Mediaset informa che martedì 8 ottobre si terrà la prima udienza della causa di appello promossa da Dailymotion, controllata da Vivendi, che ha impugnato la sentenza – emessa dal Tribunale di Roma il 15 luglio 2019 – che ha condannato la società a pagare 5,5 milioni di euro “per l’utilizzo illecito di 995 video Mediaset coperti da diritto d’autore”. Tale sentenza, ricorda Mediaset, ha concluso il primo grado della prima di sette diverse cause contro Dailymotion i cui esiti si attendono a breve e che, considerando i criteri economici riconosciuti nella prima sentenza, potrebbero dare luogo a un risarcimento complessivo superiore ai 200 milioni di euro”, conclude Mediaset.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sport e salute, cda assegna contributi 2020: 25 milioni a sport di base e al sociale (+21%). Sabelli soddisfatto: è un primo step

Sport e salute, cda assegna contributi 2020: 25 milioni a sport di base e al sociale (+21%). Sabelli soddisfatto: è un primo step

Mediaset-Vivendi, giudice Milano si riserva decidere sul ricorso dei francesi

Mediaset-Vivendi, giudice Milano si riserva decidere sul ricorso dei francesi

Editoria, Martella: informazione locale presidio di democrazia

Editoria, Martella: informazione locale presidio di democrazia