Rai, rinviata la seduta della Vigilanza su risoluzione per l’uso dei social

E’ stata rinviata alla prossima settimana la seduta della commissione della Vigilanza Rai che doveva tenersi oggi alle 14 per esaminare la “proposta di risoluzione recante princìpi di indirizzo e linee guida sull’utilizzo dei social media da parte dei dipendenti e collaboratori della Rai”, presentata dal presidente Barachini e dal deputato Anzaldi, e votare le proposte emendative.

Alla base del rinvio, segnala AdnKronos, la richiesta di rimandare la seduta da parte di Pd e Leu per impegni di governo e per la riunione dei capigruppo alla Camera.

Commissione Vigilanza rai (foto Olycom)

Commissione Vigilanza rai (foto Olycom)

Secondo quanto segnalato nei giorni scorsi da Repubblica, sulla risoluzione si sarebbe “abbattuto il fuoco di fila degli emendamenti, a firma soprattutto di Lega e Cinquestelle”.
Tra le proposte del partito del segretario Salvini, quella di estendere le regole non solo a dipendenti e collaboratori anche occasionali, ma anche agli “artisti con contratto”, autorizzando “a mostrare apprezzamento (ad esempio con un like) verso i contenuti social che altri hanno postato”.

Per i Cinquestelle l’intenzione sarebbe quella di “depotenziare il testo”, attribuendo “alla risoluzione della Vigilanza un valore quasi simbolico”. “A loro parere, scrive poi il quotidiano, il potere di dettare regole cogenti è nelle mani della Rai”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%