Facebook esonererà i politici dal fact-checking. Clegg: post di interesse pubblico. Social non è arbitro politico

Nuove misure per Facebook, anche in vista delle elezioni Usa del 2020. Il social ha annunciato che esenterà i politici dal fact-checking dei post, perché fanno notizia e possono essere di pubblico interesse.

A esplicitare le nuove misure, Nick Clegg, ex vice premier britannico e ora a capo della comunicazione globale della società. “Non crediamo sia per noi un ruolo appropriato fare da arbitro nel dibattito politico, non vogliamo impedire che il discorso di un politico raggiunga il suo elettorato e sia oggetto di dibattito pubblico”, ha spiegato Clegg.
“Tuttavia quando un politico condivide contenuti su cui precedentemente è stata fatta una verifica, inclusi link, video e foto, abbiamo in programma di ridimensionare tali contenuti, far visualizzare nel post il fact-checking delle notizie e rifiutarne l’inclusione negli annunci pubblicitari”.

Nick Clegg (Foto Ansa- EPA/ANDY RAIN)

Riguardo i contenuti che “possono incitare alla violenza e comportare un rischio per la sicurezza che supera il valore di interesse pubblico”, e che potrebbero circolare a ruota libera sulla piattaforma, Clegg ha segnalato che verranno fatte delle “valutazioni globali e che terranno conto degli standard internazionali sui diritti umani”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Classifica AudiwebWeek informazione online (10-16 febbraio). Effetto Coronavirus: crescono quasi tutti i siti di news

Classifica AudiwebWeek informazione online (10-16 febbraio). Effetto Coronavirus: crescono quasi tutti i siti di news

Coronavirus. Martella: buona informazione primo vaccino; Fieg: garantire informazione equilibrata; Odg Lombardia, rispetto deontologia

Coronavirus. Martella: buona informazione primo vaccino; Fieg: garantire informazione equilibrata; Odg Lombardia, rispetto deontologia

Stretta di Facebook su cure false a Coronavirus e fake news

Stretta di Facebook su cure false a Coronavirus e fake news