Il Gruppo Tod’s a sostegno dell’impegno Fai a Recanati per il Colle dell’Infinito

Nell’anno in cui si ricordano i 200 anni dell’Infinito di Leopardi, contributo dal Gruppo Tod’s l’iniziative Fai per la valorizzazione e il restauro del Colle che ha ispirato il componimento. Ultimo in ordine di tempo tra le attività portate avanti dal marchio a sostegno del patrimonio artistico e culturale italiano, il progetto comprende anche interventi sull’Orto delle Monache, con lo scopo di promuovere su ampia scala un percorso che valorizzi il borgo di Recanati e la regione.

L’obiettivo, come raccontato da Diego della Valle, è quello di restituire al territorio parte di ciò che ha dato all’azienda, cercando di essere di esempio per altri imprenditori a voler investire sul territorio italiano.

Tod’s, nel corso degli ultimi anni, ha stanziato l’1% dell’utile netto ad attività che hanno avuto un impatto concreto sul territorio. Tra queste iniziative, ricorda il gruppo, lo stabilimento che impiega giovani del territorio di Arquata del Tronto, colpiti dal terremoto del 2016, con lo scopo di evitare lo spopolamento della zona, il sostegno al progetto ‘Punti Luce’ di Save the Children per l’istruzione di bambini del quartiere Barra a Napoli, e la collaborazione con San Patrignano, formando professionalmente i ragazzi per la realizzazione di collezioni, i cui ricavati vanno alla comunità stessa.

Tra le altre attività, Tod’s, come Socio Fondatore Permanente, sostiene da anni il Teatro alla Scala e il Padiglione di Arte Contemporanea a Milano e, a Roma, le opere di restauro e conservazione del Colosseo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza