WhatsApp come Snapchat: in fase di studio i messaggi che scompaiono

WhatsApp insegue Snapchat e studia i messaggi a tempo che si autodistruggono. Indizi di questa novità sono contenuti in una versione dell’app di messaggistica per Android (la numero 2.19.275 beta) individuata dal sito WaBetaInfo.

Secondo le schermate pubblicate dal sito, nelle impostazioni dei gruppi sarebbe presente la voce ‘Disappearing Messages’: cliccando su questa opzione è possibile scegliere dopo quanto tempo i messaggi scompariranno. Le alternative disponibili sono tre: mai, 5 secondi, 1 ora. Scegliendo le ultime due, dopo il tempo prestabilito tutti i messaggi saranno automaticamente rimossi dalla chat senza lasciare traccia.

CC0 Creative Commons (Pixabay License)

Nessuna indicazione sul rilascio al pubblico della funzione, o se la novità possa apparire anche nella chat singola.

La mossa dell’applicazione di proprietà di Mark Zuckerberg potrebbe essere un modo per catturare chi è attento alla privacy, oppure per avvicinarsi i giovani che usano Snapchat. Anche Telegram, altra app di messaggistica, ha le sue chat segrete: hanno un sistema di cifratura ‘end-to-end’ e non possono pertanto essere intercettate o aperte da nessuno che non sia il mittente o il destinatario del messaggio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Franceschini (Mic):  in ItsArt ritengo utile e importante coinvolgimento Rai. Barachini: Vigilanza preparerà un atto

Franceschini (Mic): in ItsArt ritengo utile e importante coinvolgimento Rai. Barachini: Vigilanza preparerà un atto

Sanremo 2021, prima serata: perchè Ama e Fiore calano. L’uscita degli over 55, non compensata dal buon aumento dei giovani. Fuga dei 75+

Sanremo 2021, prima serata: perchè Ama e Fiore calano. L’uscita degli over 55, non compensata dal buon aumento dei giovani. Fuga dei 75+

Il presidente della Germania, Steinmeier: “social pericolo per democrazia”. E Facebook paga gli editori dei quotidiani tedeschi

Il presidente della Germania, Steinmeier: “social pericolo per democrazia”. E Facebook paga gli editori dei quotidiani tedeschi