Solidarietà ai giornalisti de La Stampa dai colleghi Gedi Gnn

Riportiamo qui di seguito il comunicato sindacale relativo all’agitazione dei giornalisti de La Stampa.

Il Coordinamento dei Cdr di Gedi Gnn dà la sua solidarietà in maniera compatta ai colleghi de La Stampa che sono scesi in sciopero per due giornate, ieri e oggi, di fronte all’indisponibilità dell’azienda a rispettare l’accordo sindacale sugli organici redazionali già ridotti ai minimi termini. Tutti i giornalisti del Gruppo sono perfettamente consci della gravità della crisi che sta vivendo il settore dell’editoria in tutti i suoi fronti e, in questi anni, ha tenuto sempre aperta la porta del dialogo con l’editore, ha sopportato e sta sopportando, giornale per giornale, pesanti risparmi, tagli dell’organico e riduzioni cercando sempre di garantire un prodotto di qualità informativa per i lettori. E proprio per questo il Coordinamento non riesce a comprendere l’intransigenza da parte dell’azienda, denunciata dai colleghi de La Stampa, che hanno cercato in tutte le maniere una mediazione anche con l’aiuto del direttore per risolvere la vertenza. Oggi e domani, per la mancanza delle pagine “sinergiche”, con i contenuti nazionali e internazionali, garantite ogni giorno dai colleghi della redazione di Torino, i giornali locali del Gruppo Gedi Gnn usciranno con un taglio delle proprie pagine e con uno sfoglio nazionale molto ridotto, in alcuni casi anche assente, pur mantenendo il notiziario locale. Ce ne scusiamo con i lettori, certi che capiranno i nostri sforzi a difesa – oltre che dell’occupazione – anche e soprattutto della libertà di stampa e della qualità dell’informazione, che sono alla base della democrazia.

Il Coordinamento dei Cdr

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%