Connexia potenzia l’offerta di comunicazione e creatività per il settore Pharma&Healthcare

Contenuto sponsorizzato

Per molti anni il settore Pharma&Healthcare è stato caratterizzato da una comunicazione priva di innovazione, stimoli e modalità di interazione che fossero realmente nuove ed efficaci per tutti gli stakeholder coinvolti.

Molte resistenze erano spesso dovute all’elemento «digital»: una modalità di interazione alla quale le aziende del settore non erano pronte. La causa? Il forte timore nel voler approcciare canali in cui la comunicazione e lo scambio reciproco avvengono secondo modalità diverse da quelle proprie dei canali tradizionali, apparentemente meno «controllabili».

Oggi in Connexia stiamo lavorando molto sulla formazione e sull’education in questo campo con le primarie aziende del settore Pharma ed Healthcare, per creare cultura digitale, applicare nuove modalità di processo nei sistemi aziendali e inserire l’elemento di innovazione che consenta – finalmente – alle diverse realtà di dialogare con tutti i portatori di interesse: associazione dei pazienti, comunità scientifica, pazienti e caregiver.

 

Stefano Ardito, Chief Growth Officer Connexia

Dal 2015 Connexia fa dell’approccio data-driven il suo asset principale: per noi il processo di sviluppo parte sempre dall’analisi di dati concreti, dalla loro elaborazione e dal conseguente, attento utilizzo degli insight che ne derivano per ideare strategie e campagne media neutral, con l’obiettivo di creare proprio quel dialogo che alcuni stakeholder percepivano e, in alcuni casi, ancora percepiscono come una minaccia. Che si parli di azioni di PR, coinvolgimento di influencer e stakeholder, eventi, campagne di desease awareness, contenuti social, materiali informativi o piattaforme digital, per Connexia guida e governa sempre l’idea creativa. La selezione del giusto media e dell’azione più efficace per raggiungere specifici obiettivi, spesso diversi a seconda dei target da coinvolgere, rappresenta per noi quella parte di valore consulenziale che ci distingue sul mercato come agenzia e come approccio.

La sedimentata collaborazione con Doxapharma, da sempre al fianco di Connexia su progetti nell’area Pharma&Health, ci permette di analizzare i bisogni di pazienti e caregiver e rispondere alle loro esigenze. Proprio da questa necessità di studiare bene il target nasce Connexia Audience Tracker, il tool proprietario targato Connexia e sviluppato in collaborazione con BVA DOXA grazie al quale abbiamo a disposizione un dataset di dati provenienti da domande già poste a un campione di 1900 persone rappresentativo della popolazione italiana. Il vantaggio di poter disporre e utilizzare un tool come questo è la sua grande versatilità: a seconda degli argomenti da affrontare, è possibile sottoporre al campione domande mirate e ottenere in modo facile e veloce nuovi insight e dati da utilizzare a supporto dello sviluppo creativo.

Giorgia Robaudo

Il nostro team dedicato al Pharma&Healthcare si è recentemente, ulteriormente consolidato con l’arrivo in agenzia di Giorgia Robaudo come Client Director verticale con esperienza decennale nel settore. Un ingresso contestuale a un altro milestone di Connexia: l’ingresso – come unica agenzia per il mercato italiano – in GlobalHealthPR, il più grande network al mondo di agenzie indipendenti con specializzazione nell’area farmaceutica e salute. Questo, unitamente alle competenze cross che vengono attivate all’interno dell’agenzia tra strategist, tech architect, data analist, creativi e media planner, ci permetterà di poter rendere progetti nazionali di respiro internazionale e condividere best practice su mercati diversi a livello globale.

Nei suoi 22 anni di storia, Connexia ha saputo evolversi in un mercato in continuo cambiamento: abbattendo i silos che contraddistinguono i classici modelli di agenzia creativa, siamo riusciti a innovare per diventare sempre più una piattaforma di open innovation per i nostri clienti. L’acquisizione di Ragooo, agenzia indipendente che si è distinta sul mercato per un approccio al digital marketing tailor made, dà ulteriore completezza a una offerta che – indipendentemente dal canale scelto – porta valore aggiunto e contribuisce, anche grazie alle solide partnership con Google e Facebook, alla realizzazione degli obiettivi di comunicazione e di business di tutti i nostri clienti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Giuliano Cipriani nominato  direttore generale e amministratore delegato di Cairo Pubblicità

Giuliano Cipriani nominato direttore generale e amministratore delegato di Cairo Pubblicità

Anche Facebook pensa ai podcast e crea un team per contenuti su viaggi e newsletter

Anche Facebook pensa ai podcast e crea un team per contenuti su viaggi e newsletter

ViacomCbs: completata la fusione tra le due società

ViacomCbs: completata la fusione tra le due società