Rai, via libera dal cda ai conti semestrali: utile a 3,3 milioni. In crescita i ricavi da canone

Via libera all’unanimità dal consiglio di amministrazione al Bilancio del primo semestre 2019 della Rai e quello Consolidato di Gruppo alla stessa data. Al 30 giugno il Gruppo Rai registra un risultato in leggero utile (3,3 milioni di euro), in miglioramento rispetto alla perdita di poco inferiore a 5 milioni di euro del corrispondente periodo dell’esercizio precedente.

Sul fronte dei ricavi, spiega la nota del servizio pubblico, ad una “modesta flessione del fatturato pubblicitario, conseguenza della perdurante debolezza del relativo mercato, si contrappone principalmente la crescita dei ricavi da canone, ovvero essenzialmente quelli da riscossione coattiva e da altri ricavi commerciali”.

La sede Rai di Viale Mazzini (Foto Ansa -ALESSANDRO DI MEO)

L’incremento complessivo dei ricavi, parzialmente assorbito dai maggiori costi legati principalmente agli eventi sportivi, ha determinato un miglioramento del risultato operativo di 17,2 milioni di euro.

Al 30 giugno 2019 la posizione finanziaria netta risulta negativa per 239,1 milioni di euro (+89,2 milioni di euro al 30 giugno 2018), in miglioramento di 47,4 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2018.

Ad accompagnare i positivi risultati delle principali variabili economico-finanziarie – prosegue la nota -, la qualità e la varietà delle proposte editoriali e il livello delle relative performance che confermano il primato del Gruppo Rai nell’ambito del mercato televisivo italiano.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

<strong> 19 ottobre </strong> Gassmann vince, Signorini rimonta, boom Report e Gruber da casa

19 ottobre Gassmann vince, Signorini rimonta, boom Report e Gruber da casa

Cdp, via libera dal Cda a offerta per 88% di Autostrade in mano ad Atlantia. Memorandum entro il 28 ottobre

Cdp, via libera dal Cda a offerta per 88% di Autostrade in mano ad Atlantia. Memorandum entro il 28 ottobre

RILANCIO: CHI FA CHE COSA

RILANCIO: CHI FA CHE COSA