Usa 2020: YouTube gioca d’anticipo e mette già in vendita gli spazi pubblicitari per le elezioni

Sale la febbre per la prossima corsa alla Casa Bianca, per la quale secondo le stime degli esperti tra il 2019 e il 2020 in America si spenderanno oltre 6 miliardi di dollari per l’advertising politico. YouTube ha deciso di giocare d’anticipo, iniziando a mettere in vendita gli spazi pubblicitari per le presidenziali.
Lo racconta il Wall Street Journal, secondo cui la piattaforma di videosharing di Google ha lanciato un nuovo strumento che consente ai politici e ai loro team elettorali di prenotare gli slot pubblicitari più graditi con mesi d’anticipo.

Al momento si possono acquistare spazi per le inserzioni fino a fine febbraio, in prossimità delle urne nei primi Stati votanti, come l’Iowa e il South Carolina. Dal mese prossimo, poi, saranno messi in vendita gli slot pubblicitari per tutto il 2020.

(Foto Ansa – EPA/GARY I ROTHSTEIN)

Lo strumento si chiama Instant Reserve e punta a massimizzare le entrate pubblicitarie nel periodo elettorale. Il riferimento è il modello di business televisivo, dove gli inserzionisti possono pianificare la propria campagna pubblicitaria con mesi d’anticipo, scegliendo la collocazione dei propri spot.

Un portavoce di Google ha spiegato al quotidiano americano che lo strumento è in fase di test sia con inserzionisti politici, sia con centinaia di altri inserzionisti, dal settore dei media ai beni di consumo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Verizon a caccia di acquirenti per HuffPost

Verizon a caccia di acquirenti per HuffPost

Fb: nuove misure contro le interferenze nelle elezioni. Il social etichetterà post di media a controllo statale e contenuti falsi

Fb: nuove misure contro le interferenze nelle elezioni. Il social etichetterà post di media a controllo statale e contenuti falsi

Matilde Bernabei di Lux Vide nominata Cavaliere del lavoro.  Prima donna del settore audiovisivo

Matilde Bernabei di Lux Vide nominata Cavaliere del lavoro. Prima donna del settore audiovisivo