Federica Pellegrini apre il Festival dei Fenomeni

Ha preso il via il Festival dello Sport di Trento, nato in collaborazione tra la Gazzetta dello Sport e Trentino Sviluppo

La seconda edizione della manifestazione che il presidente di Rcs Mediagroup Urbano Cairo ha definito un “evento mondiale” porterà a Trento, fino a domenica 13 ottobre, oltre 300 ospiti per 130 eventi in quattro giorni.

Ad aprire la kermesse, in una città colorata di rosa, la “Divina” Federica Pellegrini.
La nuotatrice azzurra è salita sul palco del Teatro Sociale, gremito in ogni ordine di posto, nel corso dello spettacolo inaugurale al quale avrebbero dovuto prendere parte anche Rocco Sabelli, presidente e ad di Sport e Salute e Vincenzo Spadafora, Ministro per le Politiche giovanili e lo Sport. Sul palco si è presentato invece solo il presidente del Coni Giovanni Malago’.
Gli occhi, e gli applausi, sono stati comunque tutti per Federica Pellegrini che ha annunciato che si preparerà per le Olimpiadi di Tokyo 2020 seguita da una troupe per realizzare un docufilm che uscirà dopo i Giochi giapponesi. Le riprese sono già iniziate lo scorso mese di agosto.
Nel corso della mattinata ha aperto i battenti anche lo Sport Tech District con un dialogo sul rapporto tra sport e innovazione. Al dibattito dal titolo “Sport Tech Accelerator Network”, condotto da Francesco Anesi di Trentino Sviluppo, hanno partecipato Iris Cordoba, general manager GSIC Madrid, Daniel Duming, new business & innovation manager Emea at Asics, Paolo Pretti, direttore operativo Trentino Sviluppo, Benjamin Penkert founder SportTexhX e Rossana Ciuffetti, direttore della Scuola dello Sport del Coni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mediaset-Vivendi, giudice Milano si riserva decidere sul ricorso dei francesi

Mediaset-Vivendi, giudice Milano si riserva decidere sul ricorso dei francesi

Editoria, Martella: informazione locale presidio di democrazia

Editoria, Martella: informazione locale presidio di democrazia

I minori usano i social bypassando la legge: regole inapplicate, profilazioni false, cyberbullismo sottovalutato

I minori usano i social bypassando la legge: regole inapplicate, profilazioni false, cyberbullismo sottovalutato