Unione Sarda festeggia 130 anni di vita

Per tutta la giornata si sono susseguiti conferenze, confronti, visite guidate, intercalati da momenti di intrattenimento. A dare il via è stata la capocronista Maria Francesca Chiappe,che ha ripercorso attraverso le prime pagine del quotidiano ha riproposto la lettura che il giornale ha dato dei principali eventi e dei cambiamenti avvenuti nell’isola. A mezzogiorno nell’open space i visitatori (oltre agli addetti ai lavori e a rappresentanti delle istituzioni, con in testa il sindaco di Cagliari Paolo Truzzu, c’erano intere famiglie con bambini) hanno potuto assistere alla classica riunione di redazione con cui si gettano le basi del giornale del giorno dopo. Tra gli ospiti Mario Sechi, direttore dell’Agi e già direttore dell’Unione di cui ora è editorialista, il presidente di Confindustria Tv e già segretario della FNSI, Franco Siddi. A seguire una conferenza, coordinata dal condirettore Lorenzo Paolini sul  tema dell’Insularità e alle 14 a  chiudere il programma della mattina un breve concerto degli Istentales, musica etnica e rigorosamente in sardo. Nel pomeriggio si è ripreso con un tema di stretta attualità “Informazione e Social, il futuro è adesso”, al quale ha preso parte Maria Pia Rossignaud, direttrice di Media Duemila e vicepresidente dell’Osservatorio TuttiMedia. A seguire spazio allo Sport, con il vicedirettore Ivan Paone e il capo della redazione sportiva Enrico Pilia a presentare una serie di storie raccontate dai protagonisti, tra gli altri Angelo Binaghi, presidente della FIT, e Valentina Uccheddu, campionessa italiana di salto in lungo. Infine, alle 20, tutti in pista, per chiudere con momenti di intrattenimento televisivo, musicale e culturale, condotti dai giornalisti Francesca Figus e  Francesco Abate, e trasmessa in diretta da Videolina e Radiolina.

La fiducia dei lettori impone a L’Unione Sarda di continuare a prendere posizione con giornalisti  ed editorialisti sui temi fondamentali che riguardano la Sardegna. Così l’editore Sergio Zuncheddu ha sintetizzato  la mission del quotidiano di Cagliari che ha festeggiato il 13 ottobre i 130 anni di vita. Una ricorrenza per la quale per la quale è stato mobilitato tutto il Gruppo editoriale (220 dipendenti e 130 collaboratori) per un Open Day all’insegna del motto LUNIONEFALAFORZA coniato dallo stilista Antonio  Marras che ha disegnato il logo dell’evento (la data del compleanno, con dentro lo zero di 130 i quattro mori della bandiera sarda). Dalla parte dei Sardi, questo il titolo dell’editoriale con cui Sergio Zuncheddu ha annunciato che il Gruppo continuerà a far fronte alle sfide di un mercato difficile e complesso, soprattutto dopo l’avvento del web che sta modificando profondamente stili di vita e di fruizione dell’informazione, “Fare impresa in Sardegna, in particolare, non è una passeggiata di salute, anche se resta radicata in molti l’idea che le imprese e gli imprenditori siano soggetti per lo più disonesti, sfruttatori ed evasori. Ma noi – puntualizza – abbiamo un’opinione diversa sul ruolo delle imprese nella società e continueremo  a far fronte alle sfide del mercato puntando sull’innovazione dei prodotti e dei servizi e facendo ancora meglio le cose che facciamo, potendo contare sulle competenze e le professionalità multimediali delle nostre Aziende che realizzano ogni giorno oltre un milione di  contatti certificati”.  Zuncheddu ha accolto gli ospiti davanti all’ingresso del Centro Stampa di viale Elmas, con al suo fianco la giovane direttrice generale, Lia Serreli, il direttore Emanuele Dessì, e il condirettore e direttore editoriale, Lorenzo Paolini. Ha poi personalmente guidato il primo di una serie di tour nelle varie sale del Centro stampa, uno dei più moderni del Mediterraneo in grado di stampare fino a 200 mila copie all’ora. E a rafforzare la soddisfazione dell’editore è stato anche il messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. ”Assicurare il diritto a un’informazione corretta, oggettiva, non manipolata, in una fase di innovazioni radicali, è una grande sfida che attiene strettamente  alla libertà, al pluralismo, alla democrazia”, ha osservato il Capo dello stato, aggiungendo che  “L’Unione Sarda continuerà certamente  a essere all’altezza di questi obiettivi e delle ambizioni che coltiva nel giorno di un anniversario  così prestigioso”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Le famiglie italiane e la loro ‘nuova normalità digitale’ nel rapporto Auditel/Censis sul lockdown

Le famiglie italiane e la loro ‘nuova normalità digitale’ nel rapporto Auditel/Censis sul lockdown

Rai, per il sottosegretario Martella serve cambiare governance e sistema

Rai, per il sottosegretario Martella serve cambiare governance e sistema

Mia, boom di presenze: 8mila visite on site e online, tantissimi gli stranieri da 50 Paesi

Mia, boom di presenze: 8mila visite on site e online, tantissimi gli stranieri da 50 Paesi