Un nuovo player al centro del restyling del sito di Radio 24

Al centro del nuovo sito di Radio 24, inaugurato oggi, c’è il nuovo player che permette l’ascolto facile e personalizzato della diretta e dei tanti podcast (su cui il radio e gruppo confindustriale stanno puntando parecchio). “Il player, sviluppato grazie al contributo di chi ci lavora tutti i giorni e del partner D-Share, è il cuore del restyling perchè da un lato la fruizione prevalente è mobile, dall’altro cresce quella non lineare che necessita di strumenti adeguati per l’ascolto”, spiega Roberto Bernabò, vice direttore Sole 24 Ore e responsabile dello sviluppo digitale del gruppo.

oberto Bernabò, vice direttore Sole 24 Ore e responsabile dello sviluppo digitale del gruppo

Una struttura di navigazione completamente ripensata, forte impronta fotografica  e, come detto, un player ridisegnato posto in posizione fissa su tutte le pagine, per rendere più immediata e coinvolgente la diretta streaming audio o video dei programmi in onda o l’ascolto dei podcast perchè, precisa Bernabò, “il trend della fruizione della radio è sempre meno lineare e sempre più personalizzato”.

La sezione podcast consente di accedere direttamente a tre tipi di contenitori: on demand ; Il Meglio di Radio 24;  la nuova Sezione podcast Originali creati appositamente dai conduttori e giornalisti della radio per l’ascolto sul sito.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Massimo Bullo è il nuovo Chief Marketing Officer di Vodafone Italia

Massimo Bullo è il nuovo Chief Marketing Officer di Vodafone Italia

Cucinelli duro sui temi del Covid:  in azienda solo i dipendenti immunizzati

Cucinelli duro sui temi del Covid: in azienda solo i dipendenti immunizzati

Dati Audipress 2021/I: in costante aumento la platea dei lettori di digital edition.  Ogni giorno un quotidiano in mano al 22% degli italiani

Dati Audipress 2021/I: in costante aumento la platea dei lettori di digital edition. Ogni giorno un quotidiano in mano al 22% degli italiani