Radio Rai illumina la proposta editoriale e tecnologica con nuovi studi multimediali e le star Costanzo, Venier, Minoli. E sta arrivando Fiorello

Studi interamente digitali, contenuti inediti e una forte attitudine alla dimensione visual come nuova frontiera dello sviluppo tecnologico e crossmediale. E’ questo il senso della’evento ‘è la Radio’ che si è svolto oggi in via Asiago a Roma e trasmesso in diretta live da Primaonline.

Fabrizio Salini e Roberto Sergio hanno introdotto li direttori di rete che si sono succeduti ad annunciare le principali novità in palinsesto.  “Radio Rai è  sempre più digital, è multipiattaforma e multiforme, sempre più contaminata e contaminante”, ha detto l’amministratore delegato dell’azienda. Che insieme al direttore Radio Rai, Roberto Sergio,  ha prima orgogliosamente presentato la bella e suggestiva Sala B di Via Asiago, e poi  annunciato che la trasformazione digitale e multimdiale degli studi  – compiuta ormai  in Via Asiago –  si è ora trasferita al Centro Rai di Saxa Rubra, dove hanno sede tutte le testate. Entro il primo semestre 2020, ha detto Sergio,  sarà inaugurato un nuovissimo studio dedicato a Rai Radio1: 300 metri quadrati, internamente personalizzabili, con uno spazio per la musica dal vivo e una tribuna per il pubblico.

Sul fronte tecnologico si sta parallelamente lavorando sulla piattaforma web e sulle app. La nuova
RaiPlay Radio, che vedrà la luce nel 2020, sarà ripensata nella struttura e nel posizionamento. Oltre agli streaming dei canali in diretta, offrirà produzioni create ad hoc, come in una vera factory editoriale audio,. L’ambizione, spiega Roberto Sergio, è diventare il più grande portale italiano di audio on demand.

C’è grande attesa anche per l’aggregatore  Per – Player Editori Radio  realizzato in  collaborazione con tutte le principali radio private e associazioni che vedrà la luce nel  primo semestre del 2020.  Accanto alla presenza in Per,  dice Michele Gulinucci, Radio Rai sta lavorando a una nuova versione di RaiPlay Radio, che proporrà contenuti esclusivi e premium, per navigare all’interno dei programmi in onda o scaricare i podcast.

La presentazione di Via Asiago ha visto  succedersi i direttori Luca Mazzà (Rai Radio1), Paola Marchesini (Rai Radio2), Marino Sinibaldi (Rai Radio3), Danilo Scarrone (Rai Isoradio) e Marco Lanzarone (Responsabile dei Canali Digitali) nella presentazione delle principali novità in palinsesto. Dove spicca l’arrivo di Gianni Minoli a Radio 1 con ‘Il Mix delle 5’ (“faccio quel che so fare meglio, i faccia a faccia e il racconto della nostra storia”), di Mara Venier a Radio 2 ,dal 6 gennaio con ‘Chiamate Mara 3131’ e di Maurizio Costanzo a Isoradio con ‘Strada facendo’ on air da ieri.

Bocche cucite su Fiorello attorno a cui  cresce l’attesa per la nuova produzione legata a Viva Rai Play. “Ci sarà”, ha detto Sergio, “una declinazione su Radio 2 il sabato mattina con il meglio di Rai Play”.

LE NOVITA’ CANALE PER CANALE

Radio 1 Rai
Informazione, sport, talk show radiofonici e musica popolare sono da sempre il fulcro di Rai Radio1. Prima emittente radiofonica italiana (nata nel 1924), ha oggi circa 4 milioni di ascoltatori, apprezzata su tutto il territorio nazionale grazie alla popolarità di alcune delle sue trasmissioni storiche come Radio Anch’io e Tutto il calciominutoperminutocheil 10 gennaiocompirà 60 anni. Un’informazioneaccurataetempestiva con 49 edizioni del Gr ogni giorno sui tre canali (30 su Radio1, 13 su Radio2 e 6 su Radio3) e programmi di approfondimento per raccontare l’Italia: le complesse dinamiche della politica, dell’economia, della vita sindacale, della finanza, le vicende di cronaca, l’estero, i fermenti sociali, il territorio, gli eventi culturali lo sport e lo spettacolo.


Tra lenovità il ritorno in Rai, dal 9 settembrescorso, di Giovanni Minolicon Il Mixdelle 5 (il lunedìe il venerdì, dalle 17.05 alle 18) che propone editoriali, inchieste, faccia a faccia, attualità sempre in collegamento con gli ascoltatori. In studio con lui Annalisa Chirico con la sua tazza di tè caldo, e Pietrangelo Buttafuoco con la sua tazza di tè freddo. A chiudere la puntata “I gialli della storia”. La storia raccontata come un thriller, con un finale a sorpresa di Alessandra Cravetto. Ludovica Siani infine il venerdì con “Tante belle cose” per il weekend.
Poi nuovi spazi pensati per la famiglia, i consumatori e l’ambiente, come Sportello Italia, rubrica al servizio dei consumatori e sul mondo del lavoro (tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12); Formato famiglia dalle 12.30 alle 13.00, i temi della famiglia a 360 gradi e i complessi rapporti genitori-figli (al microfono Diana Alessandrini e Savino Zaba).
Altro marchio storico di Radio1, tornato in formato quotidiano nella fascia notturna (01.30-3), Stereonotte a cura di Andrea Cacciagrano. La musica e il racconto: le storie del passato e del presente, la vita degli artisti, lanascitadeipezziedeglialbumpiùsignificativi. Il rock, il soul, lamusicalatinaeiljazz, l’underground, la musica etnica e la musica da club.
Nel fine settimana arriva L’aria che respiri dedicata all’ambiente e all’ecologia, con approfondimenti e interviste sui “veleni” e tutto quello che danneggia il pianeta, ma anche le idee nuove, le buone pratiche e la scienza al servizio del futuro (sabato mattina dalle 06.05 alle 06.30) condotta da Sonia Filippazzi. Confermati i principali programmi di Rai Radio1: da Cento città a Radio1 giorno per giorno. E ancora, Un giorno da pecora, Radio1 Music Club, Radio1 in viva voce, Italia sotto inchiesta, Zapping, Zona Cesarini e, a chiudere la lunga giornata, Tra poco in edicola che anticipa alle 23.
Dalla notte alle prime luci dell’alba con Carlo Cianetti e Dario Salvatori rispettivamente curatore e conduttore del Mattino di Radio1 (dal lunedì al venerdì dalle 5.00 alle 7.00). Il racconto dell’Italia in diretta che apre la giornata con notizie, rassegna stampa, anticipazione dei fatti del giorno e tanta musica.

Radio 2 Rai
Nuovi formati, nuovi talent, offerta crossmediale: sono alcuni degli ingredienti del nuovo palinsesto 2019- 2020.
24 ore su 24, 7 giorni su 7, Rai Radio2 accompagna gli ascoltatori con un’offerta costruita su un mix di programmi cult e grandi novità, al servizio del pubblico.
Anche quest’anno, il mattino di Radio2 è affidato al Ruggito del Coniglio in una versione animata da molti nuovi personaggi. A seguire, Radio2 Social Club, il salotto della musica, che da settembre è in onda anche su Rai2, Non è un paese per giovani con Giovanni Veronesi e Max Cervelli, Andrea Delogu e Silvia Boschero con La versione delle due, la comicità di Nuzzo Di Biase e Casciari di Numeri Uni. Nel segno della tradizione Caterpillar e CaterpillarAM Lillo e Greg in 610, i Lunatici (vincitori del Premio Biagio Agnes per la Radio) tutte le notti in diretta e una versione rinnovata di Blackout e di Miracolo Italiano. Infine, la grande musica di Gino Castaldo e Ema Stokholma.
Tra lenovità, lo Stato Socialeconuno Showassolutamenteimprevedibiletutteledomenichepomeriggio, Morgan – il sabato sera – con le sue monografie dei grandi cantautori italiani, poi Fiorello che sarà su Rai Radio2 il sabato e la domenica dalle 11 alle 12 con il meglio di Viva RaiPlay.
Completamente ridisegnato il week end con l’ingresso nella squadra di Marisa Laurito, Pino Insegno, Tommaso Labate, Diletta Parlangeli, Francesco De Carlo e DJ Osso con Pippo Lorusso e Antonio MezzancellaTutti Nudi.
Tante le iniziative speciali: 4 puntate evento con Nek e Andrea Delogu, Radio2 Day (giornate dedicate ai grandi artisti della musica italiana), Radio2 Live (concerti in diretta dalla nuovissima Sala B di Via Asiago), il Festival di Sanremo come Radio ufficiale (più di 80 ore di diretta).
Grande attenzione anche agli eventi sul territorio, con i tour on the road che dal Primo Maggio all’estate porteranno Rai Radio2 in moltissime località italiane.
Nel 2020 si festeggerà la 16a edizione di M’Illumino di meno, una delle iniziative di sensibilizzazione ambientale più importanti in Italia che, per l’occasione, non si esaurirà in una sola giornata ma diventerà un appuntamento ricorrente. L’impegno che Radio2 lancia oggi è quello di “celebrare” M’Illumino di meno ogni mese, con una serie di speciali dalla Sala B di Via Asiago.
Un progetto di rinnovamento complessivo andrà, inoltre, ad interessare il “suono” della Rete, la selezione musicale e i talent. Rai Radio2 è anche molto più femminile sia nei contenuti che nelle voci. Da gennaio, Mara Venier sarà in onda con Chiamate Mara 3131: una linea diretta con gli ascoltatori per dare spazio a nuove storie.

Radio 3 Rai
La stagione di Rai Radio 3 continua con le grandi dirette culturali e musicali che hanno già arricchito la programmazione con i Festival filosofici, giornalistici, letterari, cinematografici di Venezia, Mantova, Modena, Pordenone, Torino, Ferrara, Perugia e che prevedono – per limitarci agli appuntamenti di questa ultima parte dell’anno – trasmissioni dalla Festa del Cinema di Roma (17-26 ottobre), dal Festival delle Scienze di Genova (24 ottobre), da Bookcity a Milano (16 e 17 novembre), dal Torino Film Festival (22-30 novembre) e dalla fiera Più libri più liberi di Roma (4-8 dicembre).
Dopo le dirette per l’apertura della stagione del Teatro Regio di Torino, dell’Accademia di Santa Cecilia a Roma, dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai e del Maggio Musicale Fiorentino, la programmazione musicale prevede l’inaugurazione della stagione di Rai Nuova Musica (Torino, 31 ottobre), della Filarmonica della Scala (Milano, 4 novembre), della stagione lirica della Fenice di Venezia (24 novembre) e della Scala di Milano (7 dicembre), del Teatro dell’Opera di Roma (10 dicembre) e del Teatro San Carlo di Napoli (11 dicembre). Continua – e in primavera compirà vent’anni che verranno adeguatamente celebrati – la prestigiosa stagione dei Concerti dal Quirinale organizzati ogni domenica insieme alla Presidenza della Repubblica.
Novembre è il Mese del Teatro a Radio3 con il ciclo di Tutto Esaurito con nuove produzioni, la riproposizione di preziosi materiali di archivio, dirette dalla Sala B di via Asiago e dal Teatro India di Roma il 12, dal Teatro Massimo di Cagliari il 18 e dall’Arena del Sole di Bologna il 25. Il cartellone sarà preceduto da una edizione speciale della Giornata ProGrammatica, dedicata alla lingua italiana del teatro, con una puntata speciale de La lingua batte prevista per il 29 ottobre.
Il 17 dicembre si chiudono le Lezioni Materane di Radio3, un ciclo che ha accompagnato l’anno di Matera Capitale Europea della Cultura (che ha visto il successo della nona edizione di Materadio, la Festa di Radio3 nel settembre scorso). L’ultima Lezione sarà tenuta dal professor Sabino Cassese. Tutti i materiali delle dodici Lezioni Materane che riguardano “Il mondo visto da Sud” saranno poi proposti in podcast. Proprio la produzione di podcast di Radio3 conoscerà nei prossimi mesi uno sviluppo importante con l’edizione di storie appositamente pensate per questa modalità di ascolto.
Laprimapartedel 2020saràdedicataaun progettoche coinvolgeràtuttaRadio3: Il futurohavent’annioffrirà una serie di ricostruzioni e riflessioni sul primo quinto del nuovo secolo. A partire da quel che è successo nel campo delle tecnologie, della geopolitica, dello spettacolo, dell’economia e dei media, si traccerà una mappa della nuova cultura globale. Non mancheranno spazi pop (Il Libro dei Vent’anni, Il Film dei Vent’anni ecc.) che coinvolgeranno ascoltatori e social network, e confronti non convenzionali a partire dai grandi temi e conflitti di questi anni, in primo luogo quelli legati all’ambiente.

Canali specializzati
“I suoni del cinema” è il nuovo programma in 10 puntate annunciato da Rai Radio Techetè, la radio che riscopre quotidianamente il passato facendolo rivivere in una riproposizione moderna. Il nuovo programmaèunviaggiosonorochepartedallanascitadellaparolaearrivafinoalmondodeldoppiaggio passandoperilcinemamuto. Aguidaregliascoltatoriinquestoviaggiosarà Claudio Sorrentino, unadelle voci più autorevoli del mondo del doppiaggio.
Rinuncia alla pubblicità Radio Classica e aumenta la programmazione dedicata alla musica, il canale che si occupa di tutti i generi: dal barocco alla contemporanea, da quella antica alle colonne sonore dei film, fino a programmi come “Caste Dive” che racconta le grandi donne della opere liriche. Rendere la classica fruibile da un pubblico sempre più vasto è l’obiettivo del canale, che in quest’ottica sperimenta flash mob musicali nelle piazze.
“Diecipassinellastoria”èilprogrammachestaanimandoRadioLive,ilcanalededicatoallavalorizzazione del territorio. Il mondo dei “cammini storici” del nostro Paese ha infatti riscosso grandissimo interesse tanto da aver aperto un vero e proprio filone di storytelling. E ancora, i borghi, gli eventi, l’enogastronomia.
Radio Tutta Italianaèlaradiodiflussodedicataallamusicaitaliana. Pocoparlatoperunascoltoleggero di grandi nomi della nostra canzone cui si affiancano le nuove tendenze e i giovani talenti. È la radio più impegnata negli eventi sul territorio come “Serata Tutta Italiana”.
È dedicata ai bambini Radio Kids, presente quest’anno allo Zecchino d’oro con un premio speciale alla canzone preferita dai piccoli radioascoltatori. In arrivo inoltre 10 podcast sulla scienza, in collaborazione conla Sede Raidi Trieste, Sissa(la Scuola Internazionale Superioredi Studi Avanzati) el’Istituto Scolastico Regionale Friuli Venezia Giulia. In ogni puntata, uno scienziato si intratterrà con i bambini e i pupazzi di Radio Kids. Ancora, eventi per il centenario della nascita di Gianni Rodari, letture e tanta musica.

Isoradio
Per Isoradio l’evento più importante di questo 2019 saranno le celebrazioni dei 30 anni: un canale radiofonico nazionale dedicato alla viabilità e alla sicurezza su strade e autostrade d’Italia. Dal primo brano trasmesso alle 5.30 del 23 dicembre 1989 (“Sì, viaggiare”, di Lucio Battisti) fino ai giorni nostri.
Le proposte del 2019 vedono confermati diversi spazi e rubriche con alcune novità tra cui l’esordio sulle frequenze del canale di Maurizio Costanzo che, dal lunedì al venerdì dalle 11 alle 12, insieme a Carlotta Quadri propone “Strada facendo”, un viaggio nei sentimenti insieme a chi si sposta sulle strade italiane e lo spazio “RicordeRai” di Francesca Scrivano: un salto nel tempo insieme alla musica di Rai Radio.
Tutti i giorni, dalle 21 alle 00.30 prosegue lo spazio serale di “Casello-Casello” con una conduzione a due voci: quando il traffico è più leggero si commentano le notizie del giorno, eventi, libri, incontri e si dà voce ai protagonisti della musica e dello spettacolo. A seguire, “Notte sicura con Isoradio”, in onda tutti le notti fino alle 5.30: un happening radiofonico con musica e notizie dedicato alla sicurezza sulle strade di chi viaggia la notte.
Tutti imartedìlospazio“Studentia Isoradio” ospitaa Saxa Rubraragazzidellescuolesecondariediprimo e secondo grado che intervengono in diretta sui temi dell’educazione e della sicurezza stradale.
In collaborazione con Anas riprenderà la rubrica settimanale “Anas per chi viaggia” che informa sulla viabilità nel fine settimana, sugli eventi e le iniziative in corso e segnalando brevi itinerari turistici.
L’autunno 2019 è completato dal bisettimanale “Sulla strada” dedicato al mondo dell’autotrasporto e condotto da Paolo Barilari, uno dei maggiori esperti del settore, e da “Arrivi e Partenze” (lunedì, mercoledì e venerdì dalle 15 alle 16) con il garbo e la leggerezza di Federico Biagione che proporrà agli ascoltatori eventi, personaggi e luoghi poco noti dell’Italia con una grande novità. La puntata del lunedì sarà interamente dedicata agli animali (in casa, in auto, in famiglia e coi bambini) per gli “Arrivi e Partenze a 4 zampe”. Altraconferma“Viaggiareinsicurezzaconla Polizia Stradale”, lospaziodiservizioincuifunzionari della Polstrada informano gli automobilisti su norme, comportamenti da tenere alla guida e sulle sanzioni del Codice della Strada.
E, come sempre, per Isoradio la sua programmazione di flusso: notizie su traffico, viabilità urbana ed extraurbana con collegamenti quotidiani di servizio con la Polizia Stradale, le Polizie Municipali delle principali città, la Società Autostrade per l’Italia, l’Anas, le Capitanerie di Porto, gli Aeroporti, le Ferrovie, e il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare, per garantire un’informazione continua e puntuale e tanta musica nelle 24 ore.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Altro che moribonda, la tv è centrale nella vita sociale degli italiani e per industria e pubblicità. AssoTv presenta i trend dei nuovi consumi

Altro che moribonda, la tv è centrale nella vita sociale degli italiani e per industria e pubblicità. AssoTv presenta i trend dei nuovi consumi

Copyright, Ue segue con attenzione scontro Francia-Google. Vestager: rischio ‘biopotere dei giganti di Internet

Copyright, Ue segue con attenzione scontro Francia-Google. Vestager: rischio ‘biopotere dei giganti di Internet

Giornalisti, Martella: al via la Commissione per l’equo compenso

Giornalisti, Martella: al via la Commissione per l’equo compenso