Eni: il report sulla sostenibilità nella top ten mondiale

Una grande riconoscimento internazionale per Eni. Il colosso italiano dell’energia è stato inserito nella top 10 delle aziende con la migliore reportistica sulle performance di sostenibilità. La scelta è frutto dell’autorevole analisi del World Business Council for Sustainable Development, l’organizzazione mondiale guidata dagli amministratori delegati di 200 tra le principali società che cooperano per accelerare la transizione verso un mondo sostenibile.

Claudio Descalzi (Foto ANSA/DANIEL DAL ZENNARO)

Il ‘Reporting matters’ che elabora la graduatoria dei report di sostenibilità è prodotto oltre che dal WBCSD anche da Radley Yeldar (RY). L’edizione di quest’anno dell’analisi, in particolare, ha coinvolto 159 importanti aziende provenienti da 34 Paesi. Eni viene indicata come esempio di best practice per il principio di “conciseness and alignment”; per essere stata capace, cioè, di creare un riassunto online conciso e coerente che riassume in maniera efficace le iniziative di sostenibilità, spiegando la strategia dell’azienda in maniera chiara ed esaustiva.

Il WBCSD ha apprezzato anche il volume totalmente dedicato alla strategia di decarbonizzazione: in questa maniera Eni affronta questa tematica nel dettaglio, senza andare a scapito di altri temi legati alla sostenibilità che sono toccati nel volume principale.

“Questo risultato è prova dei nostri progressi nell’integrare la sostenibilità nei valori dell’azienda”, ha dichiarato Claudio Descalzi, amministratore delegato di Eni. “Comunicare le nostre azioni in modo efficace è cruciale per unire le nostre persone, e ciascuna persona con cui lavoriamo, dietro ai valori legati alla sostenibilità,” ha spiegato Descalzi

L’Eni For 2018 – l’ultima versione del report di sostenibilità dell’azienda, pubblicato a maggio – mostra la trasformazione che Eni ha messo in atto per affrontare le sfide globali e per contribuire al raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (SDG). Il report sottolinea il lavoro che Eni ha portato avanti nel 2018 e gli obiettivi per i prossimi anni in aree prioritarie quali il cambiamento climatico, l’ambiente, la salute e la sicurezza, il rispetto dei diritti umani, l’istruzione e la formazione professionale e lo sviluppo locale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Lagarde ai giornalisti: avrò il mio stile di comunicazione;  non abbiate retropensieri e pregiudizi

Lagarde ai giornalisti: avrò il mio stile di comunicazione; non abbiate retropensieri e pregiudizi

Classifiche e trend dei quotidiani più diffusi (Ads). A ottobre calo generalizzato

Classifiche e trend dei quotidiani più diffusi (Ads). A ottobre calo generalizzato

Inpgi, Fnsi: su norme per la salvaguardia del pluralismo e l’autonomia dell’Isituto il governo si rimetta all’Aula

Inpgi, Fnsi: su norme per la salvaguardia del pluralismo e l’autonomia dell’Isituto il governo si rimetta all’Aula