Oltre mille start up e più di 500 incontri per il terzo anno di B Heroes con Intesa Sanpaolo e lm Foundation

Sono più di mille le start up con sede in Italia e ad alto contenuto di innovazione coinvolte nella terza edizione di B Heroes, programma di accelerazione, mentorship, investimento e comunicazione ideato da lm Foundation, fondazione che ha lo scopo di promuovere l’innovazione per lo sviluppo sostenibile con la collaborazione di Intesa Sanpaolo.

Per questa edizione ammonteranno a oltre un milione di euro gli investimenti a disposizione per le startup che saranno inserite nel programma di accelerazione.
Nel programma sono previsti oltre 500 incontri sul territorio, durante i quali le giovani aziende incontreranno un team composto da imprenditori, manager e business angel specializzati nella selezione di startup da supportare nel percorso di crescita. I partecipanti avranno l’opportunità di presentare i propri progetti ai selezionatori attraverso momenti di confronto dedicati nel corso dei quali i selezionatori valuteranno le aziende esprimendo un giudizio in una scala da 1 a 5, rivolgendo particolare attenzione a: team, strategia, marketing, scalabilità e impatto dei progetti.

L’iniziativa dimostra nel concreto il forte impegno rivolto da Intesa Sanpaolo verso le start up innovative, come sottolinea Stefano Barrese, responsabile della divisione Banca dei Territoeri del gruppo amministrato da Carlo Messina: “Il supporto a B Heroes per il terzo anno consecutivo ben sintetizza quello che per noi di Intesa Sanpaolo significa essere oggi una banca al fianco delle aziende: sollecitare lo spirito imprenditoriale e lo sviluppo tecnologico anche attraverso l’Innovation Center di Intesa Sanpaolo, attivando al contempo reti relazionali tra le imprese stesse” .

Stefano Barrese e Fabio Cannavale

“Ciò è ancor più vero”, aggiunge Barrese, se pensiamo alle giovani generazioni imprenditoriali del nostro Paese alle quali non dobbiamo far mancare il nostro supporto. Dal 2018 ad oggi abbiamo infatti erogato oltre 80 milioni di euro a favore di circa 2.400 startup innovative, con una quota di mercato di oltre il 24%. Il nostro impegno come banca è sostenere le imprese anche oltre il credito, è per questo che continuiamo il percorso intrapreso con il progetto ‘Imprese Vincenti’: il programma di valorizzazione dedicato alle PMI”.

“B Heroes nasce per far crescere il tessuto imprenditoriale e incrementare la cultura d’impresa, ricorda Fabio Cannavale, imprenditore e ideatore di B Heroes. E’ un luogo di incontro tra idee, innovazione e aziende e quindi startup. Siamo ancora indietro nel nostro paese, rispetto alla media europea, in termini di capitale di rischio investito in questo settore. Le idee delle giovani aziende sono spesso vincenti ma vanno sostenute. Le startup hanno bisogno non soltanto di un contributo finanziario ma anche del confronto con altre realtà imprenditoriali sia giovani che affermate; oltre ad un affiancamento strategico per la promozione e la comunicazione”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%