Intelligenza artificiale e cybersecurity tra i cinque megatrend su cui investire nei prossimi 10 anni per guadagnare fino al 140%

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

 

Invecchiamento della popolazione, biotecnologia, robotica, intelligenza artificiale e cybersecurity sono i cinque megatrend per le azioni del futuro che in 10 anni potrebbero fruttare agli investitori fino al 140%.

Anche l’equitiy crowdfunding sembra un ottimo investimento: in Italia ha raggiunto a giugno un valore di 82 milioni di euro, più del doppio rispetto all’anno precedente. Le campagne di raccolta sono state finora 401, organizzate da 369 imprese diverse (vi sono diversi casi di round ulteriori organizzati dalle stesse aziende). Quelle censite negli ultimi dodici mesi sono ben 170, quasi una ogni due giorni, e il tasso di successo continua a mantenersi elevato: nei primi sei mesi del 2019 è stato pari al 75,0%, mentre la media generale dell’intero campione dal 2014 è pari a 71,7%.

Alexey Malanov, esperto di cyber sicurezza a capo del team Kaspersky Lab, colosso russo degli antivirus, anticipa alcuni argomenti che tratterà oggi a Roma durante l’incontro al Festival della Diplomazia. Uno dei principali problemi etici dell’intelligenza artificiale, spiega l’esperto, è la manipolabilità degli algoritmi: “Microsoft poco tempo fa ha provato ad educare un chatbot attraverso Twitter lasciando che chiunque potesse interagirci. Hanno dovuto bloccare il progetto in poco meno di 24 ore perché gli utenti del web avevano iniziato ad insegnare al bot ad imprecare e recitare il Mein Kampf. Questo è un classico esempio di un avvelenamento del machine learning”.

La procedura del “web scraping”, utilizzata da molte piattaforme online per comparare tariffe o condurre analisi di mercato, secondo una recente ordinanza del Tribunale di Roma è lecita a condizione che non venga replicata l’intera banca dati.

 


Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

<strong> 19 gennaio </strong> D’Urso sorpassa Fiorello e Favino, bene Fazio e Giletti

19 gennaio D’Urso sorpassa Fiorello e Favino, bene Fazio e Giletti

Spotify lancia le playlist automatiche per animali domestici

Spotify lancia le playlist automatiche per animali domestici

Classifica brand automotive più attivi sui social e post con più interazioni. A dicembre: Mercedes sempre in testa; seguono Bmw e Ferrari

Classifica brand automotive più attivi sui social e post con più interazioni. A dicembre: Mercedes sempre in testa; seguono Bmw e Ferrari