Giornalisti aggrediti: L’Espresso e Fnsi ammessi come parti civili al processo contro Nardulli

Il Gruppo Gedi, che edita tra gli altri il settimanale “L’Espresso”, è stato ammesso come parte civile al processo contro Vincenzo Nardulli, esponente di avanguardia nazionale e il leader romano di Forza Nuova, Giuliano Castellino, arrestati con l’accusa di lesioni, rapina e minacce per l’aggressione ai giornalisti, dell’Espresso Federico Marconi e Paolo Marchetti, avvenuta nel cimitero del Verano, nella Capitale, il 7 gennaio scorso. Nell’udienza di oggi sono state ammesse come parti civili anche la Federazione nazionale della stampa (Fnsi) e Ossigeno per l’informazione. Presenti a piazzale Clodio, tra gli altri, Beppe Giulietti, Vittorio Di Trapani, segretario nazionale Usigrai e il vicedirettore dell’Espresso, Lirio Abbate.

“È una decisione importante, perché è la seconda volta, dopo il processo Rocchelli a Pavia, che un tribunale riconosce la Fnsi come parte civile.Una decisione importante anche perché i due cronisti non sono iscritti all’ordine e al sindacato. Questo significa che il tribunale ha riconosciuto in pieno l’articolo 21 della Costituzione. Ringraziamo anche l’avvocato Giulio Vasaturo, e le numerose associazioni presenti. È fondamentale non lasciare soli cronisti colpiti e minacciati”. Lo hanno detto il presidente della Fnsi, Giuseppe Giulietti e il segretario nazionale Usigrai, Vittorio Di Trapani (oggi in aula come segretario aggiunto della Fnsi), in relazione alla decisione del tribunale di Roma che ha ammesso L’Espresso e la Fnsi come parti civili al processo contro due militanti di estrema destra che avevano aggredito e picchiato, il 7 gennaio scorso, i due giornalisti dell’Espresso Federico Marconi e Paolo Marchetti. (AGI)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Teatri e cinema, Franceschini: pensiamo alla riapertura  il 27 marzo e accesso ai musei su prenotazione anche nel weekend

Teatri e cinema, Franceschini: pensiamo alla riapertura  il 27 marzo e accesso ai musei su prenotazione anche nel weekend

Fumata nera in Lega Serie A. Sui diritti tv tutto rinviato

Fumata nera in Lega Serie A. Sui diritti tv tutto rinviato

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”