Libra fa marcia indietro: non più una valuta internazionale unica, ma una serie di monete ancorate alle valute nazionali

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

 

«Invece di avere una valuta sintetica potremmo avere una serie di stablecoin che rappresentano le valute nazionali sotto forma di token». Lo ha detto David Marcus, il responsabile del progetto Libra che, avendo evidenti difficoltà a prendere il via, sta vagliando un piano b. Si tratterebbe quindi non più di un’unica valuta internazionale ma di una serie di monete legate alle valute nazionali.

Il Governo ha tolto la web tax dalla bozza del ddl della manovra fiscale. Non considerandola una misura urgente, la tassa ai Big della Rete sarà inclusa direttamente nel Disegno di legge di bilancio 2020.

Le news del Wall Street Journal e di altre aziende di media di Dow Jones, così come del New York Post, finiranno nella sezione notizie che sta per essere lanciata da Facebook. Secondo alcune indiscrezioni, altre società che hanno accettato di partecipare includono il Washington Post, BuzzFeed News e Business Insider.

Secondo un sondaggio, il 58% degli italiani non vorrebbe la democrazia digitale. È il risultato dell’indagine di Digis Consulting, che sarà presentata dopodomani alla terza edizione del Festival del Sarà a Sasso Marconi (Bologna).

Facebook ha rivelato di lavorare da due anni a un progetto per proteggere i minori sulla sua piattaforma attraverso la crittografia, che potrebbe segnalare casi sospetti come qualcuno che fa numerose richieste di contatto ai minori.

Ragazzina di 13 anni adescata su una chat online (Omegle) da un quarantenne, la denuncia della psicologa: i genitori si sono rivolti alle forze dell’ordine, ma il sito è ancora online.


Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Franceschini (Mibact): dolore per lo stop a cinema e teatri ma prima viene la salute. Agis: scelta devastante

Franceschini (Mibact): dolore per lo stop a cinema e teatri ma prima viene la salute. Agis: scelta devastante

Covid, ecco il nuovo Dpcm firmato da Conte: stop a cinema e teatri; dad anche al 100%; chiusura alle 18 per bar e ristoranti – DOCUMENTO

Covid, ecco il nuovo Dpcm firmato da Conte: stop a cinema e teatri; dad anche al 100%; chiusura alle 18 per bar e ristoranti – DOCUMENTO

Covid, si va verso un nuovo Dpcm: spostamenti limitati; cinema chiusi; stop a palestre e congressi. Ecco le norme al vaglio (DOCUMENTO)

Covid, si va verso un nuovo Dpcm: spostamenti limitati; cinema chiusi; stop a palestre e congressi. Ecco le norme al vaglio (DOCUMENTO)