Il pm chiede di archiviare gli insulti via social a Fedez e Ferragni: “non sono canali autorevoli, per cui non sono idonei a ledere la reputazione”

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

Una decisione che di questi tempi ha dell’incredibile. La Procura di Roma ha chiesto l’archiviazione della querela che Fedez aveva presentato contro Daniela Martani, la ex passionaria dell’Alitalia e concorrente del Grande fratello 2009 che su Twitter aveva definito la coppia del web «idioti palloni gonfiati». Per il pm, i social non sono autorevoli, godono di una «scarsa considerazione e credibilità» e, di conseguenza, «non sono idonei a ledere la reputazione altrui». 

Intanto, il brand di Chiara Ferragni cresce in Cina, dove non c’è Instagram.

É salito a 47 il numero degli Stati Usa che hanno deciso di indagare Facebook per possibili violazioni antitrust: 40 altri Stati si sono infatti uniti all’indagine lanciata lo scorso settembre dallo stato di New York e altri sei stati americani per verificare se il colosso dei social abbia «soffocato la concorrenza e messo in pericolo i dati dei consumatori».

 “Il 42% dell’e-commerce di Thun è influenzato dai social network” lo dice il capo dell’e-commerce dell’azienda nata a Bolzano.

Come anticipavamo qualche settimana fa, i dati di eBay comunicati alla Guardia di Finanza potranno essere utilizzati ai fini di accertamenti fiscali. Lo ha sancito la Corte di cassazione che, con l’ordinanza n. 26987 del 22 ottobre 2019, ha accolto il ricorso dell’Agenzia delle entrate presentato contro un contribuente che aveva venduto all’asta alcuni beni sul noto sito.


Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza