MilanoCortina: nel comitato di indirizzo anche Governo e province Trento-Bolzano. Il 5 novembre i colloqui per scelta ceo

Si è riunito oggi a Milano il Comitato di indirizzo (CIC) di Milano Cortina 2026 che è stato completato con l’ingresso del Governo e delle Province Autonome di Trento e Bolzano che hanno preso l’impegno di assicurare le relative garanzie finanziarie.
Presenti il Ministro per le politiche giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora, il Presidente del Coni, Giovanni Malagò, i Sindaci di Milano e Cortina, Giuseppe Sala e Gianpietro Ghedina, i Presidenti delle Regioni Lombardia e Veneto, Attilio Fontana e Luca Zaia, i Presidenti delle Province Autonome di Trento e Bolzano, Maurizio Fugatti e Arno Kompatscher.

Nella foto, il presidente del Coni Giovanni Malagò, il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora e il presidente della Regione Veneto Luca Zaia durante una riunione del comitato organizzatore dei giochi di Milano-Cortina 2026 (Foto ANSA/FILIPPO VENEZIA)

Nell’incontro è stato confermato che il 5 novembre si svolgeranno i colloqui tra i candidati al ruolo di ceo e alcuni rappresentanti del comitato. Tra i nomi circolati per il ruolo Alberto Baldan, Tom Mockridge e Vincenzo Novari, con Stefano Domenicali possibile outsider.

Il 6 novembre, si svolgerà nella sede del Ministero dello Sport  un secondo incontro in cui verrà formalizzato lo Statuto, e completato definitivamente il confronto sugli elementi che daranno vita al testo della Legge Olimpica.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%