Editoria, nella Legge di bilancio 14 milioni per prepensionamenti. La web tax finanzierà acquisto e abbonamenti ai giornali

Il sottosegretario Andrea Martella, che esporrà al Parlamento le linee programmatiche del governo nell’Editoria martedì prossimo, è al lavoro per definire un pacchetto di provvedimenti urgenti per il settore che rientreranno nella legge di bilancio.

A quanto apprende ‘’Prima’’ una parte delle risorse del Fondo per il pluralismo, che è già finanziato, per circa 14 milioni, potrebbe essere destinato ai prepensionamenti, metà per i giornalisti e l’altra metà per i poligrafici. Per questi ultimi dovrebbe  essere ripristinato il requisito di 32 anni,  in virtu’ della peculiarità nella quale operano.

In attesa di definire un intervento organico per i giornali e periodici editi da cooperative e no profit, si punta a posticipare di 12 mesi l’inizio della riduzione percentuale della contribuzione diretta.

Infine una quota delle risorse della web tax sarà destinata agli incentivi alla lettura, finalizzati all’acquisto e agli abbonamenti ai giornali da parte di persone fisiche, sia nell’edizione cartacea che on line. Anche le scuole potrebbero essere coinvolte per favorire la lettura dei giornali soprattutto presso i giovani, per far crescere le difese verso le fake news che trovano nella Rete.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rcs-Blackstone. Chiuso il lodo su via Solferino: il palazzo valeva 33 milioni in più

Rcs-Blackstone. Chiuso il lodo su via Solferino: il palazzo valeva 33 milioni in più

Sallusti direttore di ‘Libero’, Senaldi condirettore: operazione concordata da tempo per allargare orizzonti multimediali

Sallusti direttore di ‘Libero’, Senaldi condirettore: operazione concordata da tempo per allargare orizzonti multimediali

America first e digital first. In Condé Nast Italia tagli e riorganizzazione: 26 esuberi su 69 giornalisti (direttori esclusi)

America first e digital first. In Condé Nast Italia tagli e riorganizzazione: 26 esuberi su 69 giornalisti (direttori esclusi)