Editoria, nella Legge di bilancio 14 milioni per prepensionamenti. La web tax finanzierà acquisto e abbonamenti ai giornali

Il sottosegretario Andrea Martella, che esporrà al Parlamento le linee programmatiche del governo nell’Editoria martedì prossimo, è al lavoro per definire un pacchetto di provvedimenti urgenti per il settore che rientreranno nella legge di bilancio.

A quanto apprende ‘’Prima’’ una parte delle risorse del Fondo per il pluralismo, che è già finanziato, per circa 14 milioni, potrebbe essere destinato ai prepensionamenti, metà per i giornalisti e l’altra metà per i poligrafici. Per questi ultimi dovrebbe  essere ripristinato il requisito di 32 anni,  in virtu’ della peculiarità nella quale operano.

In attesa di definire un intervento organico per i giornali e periodici editi da cooperative e no profit, si punta a posticipare di 12 mesi l’inizio della riduzione percentuale della contribuzione diretta.

Infine una quota delle risorse della web tax sarà destinata agli incentivi alla lettura, finalizzati all’acquisto e agli abbonamenti ai giornali da parte di persone fisiche, sia nell’edizione cartacea che on line. Anche le scuole potrebbero essere coinvolte per favorire la lettura dei giornali soprattutto presso i giovani, per far crescere le difese verso le fake news che trovano nella Rete.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP MEDIA ITALIANI SUI SOCIAL. A settembre prima Sky Sport per interazioni, Cookist per video view, Fanpage per paid post

TOP MEDIA ITALIANI SUI SOCIAL. A settembre prima Sky Sport per interazioni, Cookist per video view, Fanpage per paid post

I quotidiani quest’anno perdono un quarto delle copie e dal 2016 dimezzano le vendite. Agcom: Rai leader per share tv; cresce Discovery

I quotidiani quest’anno perdono un quarto delle copie e dal 2016 dimezzano le vendite. Agcom: Rai leader per share tv; cresce Discovery

Marco Bardazzi lascia Eni. La comunicazione da novembre passa a Erika Mandraffino

Marco Bardazzi lascia Eni. La comunicazione da novembre passa a Erika Mandraffino