Rai Play si rinnova. Esordio il 4 novembre con Fiorello e il suo ‘Viva Rai Play’

Il Consiglio di Amministrazione Rai, riunitosi oggi nella sede di viale Mazzini sotto la presidenza di Marcello Foa e alla presenza dell’Amministratore delegato Fabrizio Salini ha ascoltato la direttrice di Rai Play, Elena Capparelli, e il Chief Technology Officer, Stefano Ciccotti.

Secondo quanto riporta una nota di viale Mazzini, i due dirigenti  hanno annunciato  che dal 4 novembre Rai Play si presenterà in una veste completamente nuova su tutte le piattaforme digitali con un’interfaccia innovativa e molteplici funzioni di ultima generazione.

La prima produzione originale italiana a sbarcare su Rai Play sarà lo show “Viva Rai Play” di Fiorello ma l’offerta della piattaforma OTT Rai si amplierà con ulteriori produzioni originali e si arricchirà con acquisizioni internazionali in esclusiva, rassegne di film, serie tv, documentari, programmi tratti dall’archivio delle Teche, sport e cartoni.

La sinergia tra il lancio della nuova  Rai Play e Viva Rai Play, prosegue la nota, consentirà a Rai di fare la più grande campagna di alfabetizzazione digitale che il Servizio Pubblico potesse ideare e realizzare.  Grazie a Rai Play il pubblico tipicamente generalista scoprirà nuove opportunità di visione e di intrattenimento mentre il pubblico più giovane troverà contenuti con formati e linguaggi ideati specificamente per il target.

Nel corso della seduta sono stati presentati i palinsesti dei canali generalisti e specializzati gennaio-marzo 2020 e sono stati recepiti taluni spunti di miglioramento. E’ stato altresì  audito l’Ad di Rai Pubblicità Gian Paolo Tagliavia, che ha evidenziato un andamento positivo per la Rai a fronte di una contrazione del mercato pubblicitario di riferimento.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mediaset-Vivendi, giudice Milano si riserva decidere sul ricorso dei francesi

Mediaset-Vivendi, giudice Milano si riserva decidere sul ricorso dei francesi

Editoria, Martella: informazione locale presidio di democrazia

Editoria, Martella: informazione locale presidio di democrazia

I minori usano i social bypassando la legge: regole inapplicate, profilazioni false, cyberbullismo sottovalutato

I minori usano i social bypassando la legge: regole inapplicate, profilazioni false, cyberbullismo sottovalutato