Radio, +13,4% per la raccolta pubblicitaria a settembre. Amorese, Fcp Assoradio: progressivo da gennaio a +3,7%

Il fatturato pubblicitario del mezzo Radio nel mese di settembre 2019 ha registrato una crescita del 13,4% rispetto al corrispettivo 2018. Tale dato corrisponde ad un fatturato totale di € 32.774.000,00. Lo dicono i dati dell’Osservatorio Fcp-Assoradio (Fcp-Federazione Concessionarie Pubblicità).

Fausto Amorese (Foto Massimiliano Stucchi)

Il commento del Presidente Fcp-Assoradio Fausto Amorese
“Il dato dell’Osservatorio Fcp-Assoradio di settembre si contraddistingue per la crescita di fatturato pubblicitario fin qui maggiore dell’anno: +13,4%, a cui contribuisce con un sensibile aumento anche la pubblicità extra-tabellare (eventi, sponsorizzazioni). Un risultato significativo per il peso di settembre sul totale fatturato/anno.

Il terzo quarter fa inoltre segnare il maggiore incremento rispetto ai primi due: +9,7%. Anche in relazione all’andamento del mercato il dato progressivo gennaio-settembre è rilevante: +3,7%.

Tra i settori più significativi sono numerosi quelli ad essersi distinti nel mese per le performance positive: tra gli altri Distribuzione, Industria/Edilizia/Attività, Moto/Veicoli, Bevande/Alcolici, Telecomunicazioni, Tempo Libero”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Pubblicità in calo ad agosto -0,9%, e nei primi 8 mesi -1,3% (ma senza gli Ott sarebbe -5,9%). Nielsen: bene solo radio, digital, gotv e cinema

Pubblicità in calo ad agosto -0,9%, e nei primi 8 mesi -1,3% (ma senza gli Ott sarebbe -5,9%). Nielsen: bene solo radio, digital, gotv e cinema

Radio, ottima raccolta pubblicitaria ad agosto, +7,5%. Amorese, Fcp Assoradio: fruizione sempre più articolata e multi device

Radio, ottima raccolta pubblicitaria ad agosto, +7,5%. Amorese, Fcp Assoradio: fruizione sempre più articolata e multi device

Radio, analisi socio-demo di Confindustria: l’ascolto aumenta con l’età; IP ancora marginale, cresce dalla televisione

Radio, analisi socio-demo di Confindustria: l’ascolto aumenta con l’età; IP ancora marginale, cresce dalla televisione