I 5 video pubblicitari più popolari su Youtube a luglio, agosto e settembre

Nel trimestre luglio, agosto, settembre, è il video di Apple che presenta il nuovo iPhone 11 lo spot più popolare su YouTube. Alle sue spalle completano il podio le clip di Esselunga e di Ringo – con l’ex concorrente di X-Factor Luna Melis.

Quarto posto per lo spot Jeep con i giocatori della Juventus associati nelle loro azioni sul campo a bambini che giocano per strada o sotto la pioggia. Chiude la top 5 la pubblicità Tim sulle nuove possibilità offerte dalla rete 5G.

La classifica è stata determinata utilizzando alcuni dei segnali di gradimento più significativi espressi dagli utenti su YouTube tra cui: il numero di visualizzazioni nel nostro Paese, la percentuale di visualizzazione di ciascuna pubblicità e il rapporto tra visualizzazioni organiche e visualizzazioni a pagamento.

VIDEO:
1 – Nuovo iPhone 11 – Apple di Apple Italia.

2 – Esselunga 2019 – Più la conosci, più ti innamori. di Esselunga (Agenzia Creativa: Armando Testa, Agenzia Media: Media Italia)

3 – Ringo feat. Luna Melis – La scelta giusta di Ringo Pavesi (Agenzia Creativa: Zerostories)

4 – Jeep and Juventus – Jeep Terrains – di Jeep Europe (Agenzia Creativa: Leo Burnett – Agenzia Media: Starcom)

5 – Tim – 5G – Il futuro. Insieme di Tim (Agenzia Media: Havas)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager