Editoria, Casellati: giornalismo presidio di democrazia. Prerogativa è professione senza limitazioni o pregiudizio

“Il giornalismo, quando è svolto con rigore e con coraggio, costituisce infatti un presidio irrinunciabile della democrazia stessa e un incredibile strumento di tutela della legalità e di lotta al degrado sociale, politico ed economico”. Lo ha affermato la presidente del Senato,  Elisabetta Casellati in un messaggio di saluto al convegno ‘Querele intimidatorie, minacce e intimidazioni’.

Organizzata in occasione della giornata mondiale Onu per mettere fine alle impunità per i crimini contro il giornalismo da Ossigeno per l’Informazione e l’Ordine dei Giornalisti, l’iniziativa secondo Casellati rappresenta “un prezioso momento di condivisione e di confronto su tematiche di sempre più allarmante attualità”.

Maria Elisabetta Alberti Casellati (Foto ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

“Anche le Istituzioni hanno il dovere di prestare attenzione nell’interesse di un diritto fondamentale quale è quello ad un’informazione libera da ogni forma di condizionamento o di violenza”, ha aggiunto la presidente del Senato, rimarcando poi: “se è dovere del giornalista perseguire con scrupolo e responsabilità la ricerca della verità, è altrettanto sua prerogativa poter svolgere la propria professione in modo pieno e senza limitazione o pregiudizio alcuno”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Mercato del Libro, nel lockdown perso l’85% delle vendite. Aie: a fine anno rischio calo del fatturato tra i 650 e i 900 milioni

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%