Radio Radicale, nella legge di bilancio 8 milioni e il rinnovo della convezione. M5s: soldi pubblici a una radio privata, una porcata

Slittano di “dodici mesi” i tagli all’editoria previsti dall’ultima legge di bilancio e che dovevano essere avviati a partire dal 2020, fino all’azzeramento. Lo prevede la bozza della manovra che stanzia anche 8 mln l’anno per tre anni, dal 2020 al 2022, per la convenzione con Radio Radicale

”Radio radicale svolge da 43 anni un servizio pubblico di interesse generale, come riconosciuto anche  dall’Autorità per le comunicazioni nella segnalazione urgente che nella scorsa primavera ha inviato al governo affinchè prorogasse la convenzione, in attesa dello svolgimento di una gara per la
trasmissione delle sedute parlamentari. Oltre a questo, noi trasmettiamo le attività di tutte le altre istituzioni, a partire da quelle di governo, del Csm e della Consulta, e le attività di tutti i
partiti e movimenti politici, nessuno escluso”. Così Alessio Falconio, direttore di Radio radicale, commenta all’Adnkronos la notizia della proroga della convenzione con l’emittente fondata da Marco Pannella.  “Abbiamo sempre garantito un’informazione istituzionale, la più completa possibile -assicura Falconio- come dimostrano anche i tanti attestati che ancora in queste ore ci stanno arrivando da diverse parti politiche”.

La sede di Radio Radicale a Roma (Foto ANSA / ETTORE FERRARI)

“#24milioni per Radio Radicale? Non ci  stiamo! Diteci voi come utilizzereste questi soldi”. Il M5S torna
all’attacco contro Radio Radicale in un post pubblicato sul Blog delle Stelle. “Qualcuno in legge di bilancio ha riproposto, per l’ennesima volta, di finanziare Radio Radicale con milioni di euro delle tasse
degli italiani: 8 milioni all’anno per tre anni. Sono 24 milioni di  euro. Altri 24 milioni di euro di soldi pubblici a una radio privata,  che negli anni si è già presa 250 milioni di euro di soldi delle
tasche dei cittadini”, si legge nella nota dei pentastellati, che annunciano le barricate contro il provvedimento.

“Tutti i partiti sono compatti su questo tema” ma “in Parlamento faremo di tutto per bloccare questa porcata. Non abbiamo i numeri per bloccarla da soli? Bene, nella vita ci sono battaglie che dobbiamo
essere orgogliosi di perdere. E che dobbiamo invece vergognarci di non combattere. Quindi noi questa battaglia la combattiamo. Fino in fondo”, conclude il M5S.

“Ci sono di nuovo 8 milioni di euro all’anno per 3 anni a Radio Radicale. Ma diamoli ai terremotati…”. E’ il commento del ministro degli Esteri e capo del M5s Luigi Di Maio, sottolineando che della questione si parlerà al vertice di oggi.

Alle parole del ministro Di Maio ha replicato a stretto giro la Fnsi. “Ancora una volta il ministro Luigi Di Maio si scaglia contro Radio Radicale e il pluralismo dell’informazione. L’ennesima sortita è un attacco all’articolo21 della Costituzione, la cui importanza è stata sottolineata più volte dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella”, hanno affermato in una nota Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Federazione della stampa.

“Ci auguriamo che anche questo attacco venga respinto dal governo e dal Parlamento e che i fondi vengano assicurati a Radio Radicale e a tutte le voci delle minoranze e delle differenze. È in gioco il diritto dei cittadini ad essere informati”, hanno concluso.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Martella: informazione locale presidio di democrazia

Editoria, Martella: informazione locale presidio di democrazia

I minori usano i social bypassando la legge: regole inapplicate, profilazioni false, cyberbullismo sottovalutato

I minori usano i social bypassando la legge: regole inapplicate, profilazioni false, cyberbullismo sottovalutato

Tim accende il 5G al Monza Eni Circuit e fa il punto sui piani di copertura digitale

Tim accende il 5G al Monza Eni Circuit e fa il punto sui piani di copertura digitale