Editoria, nella legge di bilancio saltano i prepensionamenti

A quanto apprende  Prima Comunicazione il ministero dell’economia ha preso in contropiede il sottosegretario all’editoria Andrea Martella stoppando i prepensionamenti che avrebbero dovuto far parte del pacchetto di interventi urgenti per l’editoria nella legge di bilancio.

La cancellazione per la mancanza di adeguata copertura sarebbe dovuta a una lacunosa informativa da parte del Ministero del lavoro, che non avrebbe specificato che i denari per finanziare i prepensionamenti erano già stanziati dal fondo per il pluralismo.

Andrea Martella

Comunque lo spiacevole equivoco dovrebbe essere corretto con la ripresentazione della quota di 14 milioni per i prepensionamenti ripartita fra giornalisti e poligrafici nell’emendamento del governo nel corso della discussione parlamentare della Legge di Bilancio.

Nella Legge di bilancio viene invece confermata la proroga di un anno della contribuzione ai giornali e periodici editi da cooperative e onlus in vista di ridiscutere la progressione dei tagli fino alla cancellazione previsti dall’ex sottosegretario Vito Crimi.

Inoltre ci sono anche sostanziosi incentivi all’acquisto e all’abbonamento ai giornali per le scuole e direttamente anche per gli studenti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza