L’Oréal Paris e Fondazione Umberto Veronesi per la prevenzione dei tumori femminili con la campagna ‘Dona le tue rughe’

È una mostra inaugurata oggi allo Spazio Solferino 19 di Milano il nuovo capitolo della campagna ‘Dona le tue rughe’ per la prevenzione dei tumori femminili, lanciata a giugno dall’Oréal Paris e dalla Fondazione Umberto Veronesi e ideata da McCann Worldgroup Italia.

Un titolo forse non accattivante, ma con un significato forte e preciso: le rughe fanno parte di noi, del nostro vissuto e del nostro essere. Sono il frutto delle tante esperienze provate ogni giorno sulla propria pelle, e non da tutte le donne sono considerate un taboo. Soprattutto dalle donne che hanno combattuto o stanno ancora combattendo il cancro.

A loro, alla loro forza e alla loro bellezza, è dedicata la mostra in cui 13 giovani artisti dell’Accademia di Brera sono stati chiamati a interpretare il tema della lotta alla malattia con una propria opera. Fotografie, installazioni, disegni che sono visibili da oggi all’8 novembre dalle 17.30 alle 21 con ingresso gratuito.

Gabriella, Angela, Laura, Clizia, Dorka e Chiara, le Pink Ambassador di Fondazione Umberto Veronesi protagoniste del video ufficiale della campagna

La campagna ha come testimonial le Pink Ambassador di Fondazione Umberto Veronesi: Gabriella, Angela, Laura, Clizia, Dorka e Chiara, le sei protagoniste del video ufficiale, che, con i loro bei volti e qualche ruga esibita senza timore, ci dicono che nel loro caso la malattia non ha avuto la meglio e la vita va avanti.
Un messaggio fondamentale perché scopo della campagna è far comprendere quanto sia importante sostenere la prevenzione.

“Da anni lavoriamo in sinergia con L’Oréal Paris e McCann Worldgroup Italia per realizzare campagne di sensibilizzazione rivolte al mondo femminile affinché ogni donna non dimentichi quanto sia fondamentale la prevenzione contro i tumori”, dice Monica Ramaioli, direttore generale di Fondazione Umberto Veronesi. “Raccontare le storie delle nostre Pink Ambassador vuol dire raccontare l’esperienza di tutte le donne che hanno combattuto la malattia e l’hanno sconfitta grazie alla ricerca scientifica d’eccellenza”.
E se Fondazione Veronesi s’impegna nel finanziare la ricerca ai più alti livelli, qualsiasi persona può dare un piccolo, ma non meno importante contributo: fino al 30 novembre L’Oréal Paris devolverà per ogni suo prodotto acquistato nei punti vendita aderenti all’iniziativa (Il Gigante, Interspar, Italmark, Iperal, Mercatò, Aliper) 50 centesimi a favore di Fondazione Umberto Veronesi, che finanzierà una borsa di ricerca annuale a una ricercatrice di altissimo profilo che ha deciso di dedicarsi allo studio e alla cura dei tumori femminili.

“Crediamo profondamente nel grande valore della ricerca e della prevenzione e anche quest’anno abbiamo voluto promuovere questo progetto dal forte impatto sociale”, sottolinea Guillaume Perrin, brand director L’Oréal Paris. “L’Oréal Paris fonda le sue radici nella ricerca scientifica al cui sviluppo sente il dovere di contribuire con un impegno concreto per il sostegno di tutte le donne. Essere donna è un cammino difficile e pieno di responsabilità e il nostro brand vuole essere al fianco di ognuna perché tutte possano guardare con serenità e fiducia verso il futuro”.

Non va dimenticato, infatti, che ogni anno in Italia oltre 52mila donne si ammalano di tumore al seno, 10.600 di tumori dell’utero e 5.200 di tumore all’ovaio. Ma la ricerca scientifica oggi produce risultati incoraggianti, cosa che rende ancora più importante comprendere come la diagnosi anticipata e le nuove terapie possano salvare la vita a moltissime donne.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Un italiano su tre teme rischi per la salute associati al 5G

Un italiano su tre teme rischi per la salute associati al 5G

<strong> 25 novembre </strong> Hunziker batte Capotondi e Sciarelli, male L’Alligatore. Tributo trasversale a Maradona

25 novembre Hunziker batte Capotondi e Sciarelli, male L’Alligatore. Tributo trasversale a Maradona

Maradona, Equipe titola ‘Dio è morto’

Maradona, Equipe titola ‘Dio è morto’