Milano-Cortina: a Vincenzo Novari la guida della fondazione per i Giochi 2026

Vincenzo Novari è il ceo di Milano-Cortina 2026. Il nome dell’amministratore delegato del comitato dei Giochi invernali è stato annunciato dal ministro delle politiche giovanili e dello sport Vincenzo Spadafora al termine della riunione che si è svolta a Roma, alla quale hanno prese parte le delegazioni dei Comuni di Milano e Cortina, compresi i sindaci Giuseppe Sala e Gianpietro Ghedina, delle province autonome di Trento e Bolzano, e delle Regioni Lombardia e Veneto con i governatori Attilio Fontana e Luca Zaia. Per il Coni, presenti il numero uno Giovanni Malagò e il vice presidente vicario Franco Chimenti.

Vincenzo Novari (Foto ANSA / ANTONIO NARDELLI)

“Siamo tutti d’accordo nel designare il nome di Vincenzo Novari come Ceo della fondazione per le Olimpiadi invernali di Milano-Cortina 2026 che verrà istituita a breve. Crediamo che abbia tutte le qualità per fare un buon lavoro”. Così il ministro Spadafora ha comunicato la decisione al termine della riunione, svelando finalmente il nome dell’uomo che dovrà gestire questa importante operazione.

Genovese, 60 anni, laureato in Economia aziendale all’università di Genova, Novari è stato amministratore delegato di 3Italia dal 2001 al 2016, fino alla fusione con Wind. Insieme a Alberto Baldan – manager gradito al sindaco di Milano, Sala – e Tom Mockridge – in Italia noto per essere stato a capo di Sky – era tra i nomi portati in finale dal cacciatore di teste Spencer & Stuart, a cui era stata affidata la delicata selezione per il ruolo di ad nell’organizzazione dei giochi olimpici.

Manager di grande attivismo, in grado di mettere a sistema le cose, Novari ha lavorato nel settore delle tlc, ad alti livelli, e ha grandi competenze sulle reti digitali, in grado di reggere un progetto – come quello dei Giochi – distribuito su un territorio molto vasto.

Novari ha iniziato il suo lavoro di manager, nel 1987 come direttore marketing in Parfume et Collections, nel gruppo L’Oréal dove rimane fino al 1992. Dal 1993-1995 nel Gruppo Danone (Johnson Wax e in Saiwa), per poi passare nel 1995 in Omnitel Pronto Italia, con la carica di direttore marketing, per diventare l’anno successivo vice-presidente delle vendite, marketing e logistica. Nel 1999 è amministratore delegato di Omnitel 2000.
Nel 2000 ha fondato Andala S.p.a di cui resta amministratore delegato fino a quando diventa 3 Italia, per poi lasciare nel dicembre 2016, dopo la fusione con Wind.
Nell’ottobre 2016 ha fondato SoftYou, una startup nel campo del business e dei servizi a valore aggiunto. Sempre nello stesso anno  è diventato special advisor italia per CK Hutchinson, gruppo cinese proprietario di Wind 3.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Un italiano su 4 ha ascoltato podcast nell’ultimo mese. Dati Ipsos: giovani e professionisti il pubblico principale

Un italiano su 4 ha ascoltato podcast nell’ultimo mese. Dati Ipsos: giovani e professionisti il pubblico principale

Usa 2020, Trump potrebbe snobbare i dibattiti tv: non si fida degli organizzatori

Usa 2020, Trump potrebbe snobbare i dibattiti tv: non si fida degli organizzatori

<strong> 12 dicembre </strong> Hunziker prevale sul docufilm di Rai1. Male la finale di X Factor

12 dicembre Hunziker prevale sul docufilm di Rai1. Male la finale di X Factor