Il New York Times vuole dieci milioni di abbonati entro il 2025 (due milioni fuori dagli Usa)

Il New York Times chiude il terzo trimestre con un utile di 44 milioni di dollari, sopra le attese degli analisti. I ricavi sono saliti del 2,7% a 428,5 milioni, in linea con le previsioni del mercato. La raccolta pubblicitaria è stata il punto debole: è calata del 6,7%, con una flessione del 5,4% solo per quella digitale.

Risultati diversi sul fronte degli abbonamenti. Nel periodo luglio-settembre il New York Times ha registrato 273 mila nuove sottoscrizioni online, per un totale di oltre quattro milioni di lettori digitali. Gli abbonati totali, inclusi quelli dell’edizione cartacea, sono dunque saliti a 4,9 milioni.
Il terzo trimestre “è stato il nostro migliore di sempre per i nuovi abbonati digitali”, ha affermato l’amministratore delegato Mark Thompson, rimarcando come la società sia in corsa per centrare l’obiettivo dei 10 milioni di abbonati entro il 2025, con “almeno due milioni” fuori dagli Stati Uniti. Attualmente gli abbonati a livello internazionale sono 500.000, la maggior parte in Gran Bretagna, Canada e Australia.

La sede del New York Times (foto Primaonline.it)

Thompson ha commentato anche i risultati non proprio positivi della pubblicità. “Come altri editori, stiamo assistendo a continue turbolenze nello spazio pubblicitario digitale. Mentre la pubblicità digitale ha registrato un andamento leggermente migliore nel terzo trimestre rispetto a quanto inizialmente previsto, prevediamo un quarto trimestre piuttosto impegnativo, in gran parte dovuto ai confronti con un Q4 di grande successo del 2018”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nella Fase 2 anche il consumo tv torna alla normalità. Aumenta il tempo sui mezzi digitali (+25%) anche per Baby Boomer

Nella Fase 2 anche il consumo tv torna alla normalità. Aumenta il tempo sui mezzi digitali (+25%) anche per Baby Boomer

Parte negli Usa “HBO Max”: una nuova piattaforma di video streaming sfida Netflix

Parte negli Usa “HBO Max”: una nuova piattaforma di video streaming sfida Netflix

Radio Capital, la redazione contesta a Gedi riorganizzazione e tagli. Solidarietà da Repubblica

Radio Capital, la redazione contesta a Gedi riorganizzazione e tagli. Solidarietà da Repubblica