10 novembre Vince Juve-Milan pay, pari tra Rai1 e Canale5, bene Fazio e Iene

L’attentato ai nostri soldati in Iraq ha turbato la deriva verso la banalità di una domenica televisiva, quella del 10 novembre, che doveva essere caratterizzata dal super match di Serie A Juventus-Milan, in onda su Sky, e con molte tra le generaliste che hanno scelto una programmazione tattica ed equilibri degli ascolti, alla fine, all’insegna di una notevole frammentazione ed equilibrio.

I meter raccontano che a vincere per ascolti sia stata la partita di Torino. Se si considera il risultato al netto della pausa, infatti, l’incontro vinto per uno a zero dai bianconeri grazie ad un gol di Pauolo Dybala ha avuto ben 2,6 milioni di spettatori ed il 10,4% di share (il risultato lordo è stato di 2,442 milioni ed il 9,8%). Dietro il calcio è stato sostanziale pareggio tra le ammiraglie.

Su Rai1 il film tedesco ‘Nozze Romane’, al secondo passaggio, ha conquistato 2,553 milioni di spettatori e l’11,3% di share battendo di pochissimo la concorrenza per ascolti e perdendo di poco per share.

Su Canale 5, infatti, la prima puntata della miniserie spagnola ‘La caccia Monteperdido’, con l’eroina dell’era arcaica de ‘Il Segreto’, Megan Montaner, protagonista della storia, ha avuto 2,543milioni di spettatori e l’11,7%. Il prodotto del Biscione (11,6%) ha vinto inoltre il confronto con quello di Rai1 (11,3%) nella fase in cui le due proposte sono andate in onda contemporaneamente.

Appena dietro Canale 5 è arrivato Fabio Fazio (Antonio Albanese, Silvia Scola e Stefania Sandrelli, Michele Serra e Paola Barale ieri tra gli ospiti). ‘Che tempo che fa’ ha migliorato nettamente le prestazioni di sette giorni prima salendo fino a 2,4 milioni circa di spettatori e il 9,7% nella prima parte e 1,9milioni ed il 10,54% nella fase del tavolo.

Sul quarto gradino virtuale del podio, ma correndo in testa davanti a tutti già praticamente dopo la fine del match dell’Allianza Stadium, sono salite ‘Le Iene’, ieri a quota 2,153 milioni con il 12,56% di share.

Più staccato dai primi è arrivato Massimo Giletti, che si è ripetuto sui soliti livelli. ‘Non è l’Arena’, con Massimo Giletti alla conduzione e tra gli ospiti Matteo Salvini (in collegamento) nella prima parte, ha ottenuto 1,151 milioni di spettatori e il 6%. In coda più staccate sono arrivate Rete 4 e Rai3: il cult Cast Away, con Tom Hanks protagonista, ha avuto 783mila spettatori e il 4,01%; Conta su di noi-Speciale Airc, con Francesca Fialdini e Michelle Mirabella e tanti ospiti in onda dalle 20.30 alle 22.05, ha conseguito 566mila spettatori e 2,24%.

In day time ha fatto bene Mara Venier (‘Domenica In’ a 19,4% e 16,9% con Patty Pravo e Christian De Sica tra gli altri ospiti e con l’edizione speciale del Tg1 dedicata ai fatti in Iraq al 16%). Su Rai2 prima dell’ora di pranzo ‘La Domenica Ventura’ ha avuto il 4% di share. E quindi ‘Quelli che il calcio’ ha conquistato il 6,7% ed il 7,7% di share.

Sulla terza rete ‘Mezzora in più’, con un focus sull’industria e il lavoro in crisi, con gli operai e Maurizio Landini al microfono di Lucia Annunziata e poi Ezio Mauro e Walter Veltroni, ha avuto il 6,5% di share. Subito dopo ‘Kilimangiaro’ ha ottenuto il 5,8% e il 10,3% di share, con il Tg3 Edizione Straordinaria all’8%.

 

Senza confliggere con la Venier più tardi, dopo le soap, ‘Domenica Live’ su Canale 5 ha avuto il 14,1%. Francesca Fialdini su Rai1 con ‘Da noi a ruota libera’ è arrivata al 14,1%.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sport e salute, cda assegna contributi 2020: 25 milioni a sport di base e al sociale (+21%). Sabelli soddisfatto: è un primo step

Sport e salute, cda assegna contributi 2020: 25 milioni a sport di base e al sociale (+21%). Sabelli soddisfatto: è un primo step

Mediaset-Vivendi, giudice Milano si riserva decidere sul ricorso dei francesi

Mediaset-Vivendi, giudice Milano si riserva decidere sul ricorso dei francesi

Editoria, Martella: informazione locale presidio di democrazia

Editoria, Martella: informazione locale presidio di democrazia