Mediaset sale al 15,1% della tedesca ProsiebenSat.1. Il gruppo: nuovo passo nel polo paneuropeo

Mediaset sale al 15,1% dell’emittente tedesca ProsiebenSat.1. L’operazione è avvenuta attraverso la controllata Mediaset Espana, che ha acquisito una quota del 5,5% del capitale, che si aggiunge alle azioni già nel portafoglio del gruppo. “L’operazione conferma la fiducia nel futuro della televisione gratuita in Europa e la volontà di sviluppare il potenziale di crescita in Germania, il più grande mercato dei media in Europa”, si legge nella nota della holding tv di Cologno.

Secondo le stime, partendo dalle quotazioni di borsa dell’11 novembre, l’ulteriore quota del 5,5% di ProsiebenSat.1 vale circa 180 milioni di euro. In precedenza Mediaset aveva speso circa 330 milioni per rastrellare il 9,6% del capitale dell’emittente tedesca. Per un investimento complessivo che si aggira dunque intorno al mezzo miliardo.

“Valutiamo tutti gli investimenti incluso quello di Mediaset come una conferma della nostra strategia”, il commento di un portavoce di ProsiebenSat.1, contattato dall’Ansa. “Siamo totalmente focalizzati nella creazione di un campione dell’entertainment e commerciale e stiamo facendo buoni progressi nel costruire più contenuti locali, nell’avere più copertura digitale con il lancio della nostra piattaforma di streaming Joyn e nelle nuove strategie di monetizzazione”.

Di seguito il testo integrale del comunicato:
Cologno Monzese / Madrid, 11 novembre 2019 – Mediaset España, società del Gruppo Mediaset, ha annunciato oggi di aver acquisito una quota del 5,5% in P7S1. La partecipazione complessiva detenuta dal Gruppo Mediaset raggiunge ora il 15,1% del capitale azionario di P7S1.
Il nuovo investimento in P7S1, leader del settore in Germania, il più grande mercato dei media in Europa, costituisce un nuovo passo avanti di Mediaset verso la creazione di un player paneuropeo attivo sui principali mercati. Il 7 giugno 2019, Mediaset ha infatti annunciato la creazione di MEDIAFOREUROPE (MFE), destinata a diventare la Casa comune dei maggiori broadcaster free europei.

Mediaset crede fermamente nel futuro dell’industria europea dei media. E l’investimento odierno rappresenta un importante passo avanti nella creazione di una TV europea
indipendente, forte nei contenuti e nella tecnologia, che possa migliorare la posizione competitiva dell’Europa nel mercato globale.
Le dimensioni stanno diventando infatti un fattore strategico sempre più cruciale. E Mediaset è convinta che sia necessaria una risposta pan-europea per affrontare le sfide competitive e tecnologiche in atto.
Dimensioni adeguate consentiranno a tutte le maggiori emittenti d’Europa di competere su un piano di parità potenziando le rispettive posizioni di leadership nell’intrattenimento, nei contenuti lineari e non lineari, nella tecnologia e nei dati.
In futuro, le strutture comuni paneuropee aiuteranno a creare le dimensioni necessarie per essere più efficaci nella pubblicità, per investire in tecnologie all’avanguardia e per puntare con forza sulla produzione di contenuti competitivi e su un’offerta digitale e on-demand sempre più ampia.

P7S1 ha un notevole potenziale di crescita e Mediaset è lieta di aumentare ulteriormente la sua posizione di azionista di maggioranza. Siamo convinti che questo nuovo investimento in P7S1 consentirà di rafforzare ulteriormente i legami tra le nostre aziende nel cammino comune verso la creazione di nuovo valore sia nel mercato tedesco sia in quello europeo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Martella: informazione locale presidio di democrazia

Editoria, Martella: informazione locale presidio di democrazia

I minori usano i social bypassando la legge: regole inapplicate, profilazioni false, cyberbullismo sottovalutato

I minori usano i social bypassando la legge: regole inapplicate, profilazioni false, cyberbullismo sottovalutato

Tim accende il 5G al Monza Eni Circuit e fa il punto sui piani di copertura digitale

Tim accende il 5G al Monza Eni Circuit e fa il punto sui piani di copertura digitale