11 novembre Montalbano stoppa le ‘tonache pazze’ della D’Urso. Report corre reagendo alla Meloni

I preti gay di Paolo Del Debbio, qualche giorno fa a ‘Dritto e Rovescio’? Barbara D’Urso ha proposto storie di ‘suore incinta’ e ‘preti trans e con amanti’, ma anche Gabriel Garko, ieri sera su Canale 5 confrontandosi con il sorriso malinconico di Margareth Madè, guest star della replica camilleriana su Rai1.

Ma vediamo cosa è successo nella sfida, alla fine senza storia, tra le ammiraglie in prima serata.

Su Rai1 un episodio topico de ‘Il Commissario Montalbano’, ‘Il sorriso di Angelica’, con Luca Zingaretti ancora una volta attratto e salvato da una presunta colpevole, ha ottenuto 4,767 milioni di spettatori ed il 21,2%.

Su Canale 5 Barbara D’Urso si è impegnata a mettere in piedi una versione del programma ancora più creativa e sorprendente di quella di sette giorni prima ed è andata molto meglio. La trasmissione ha puntato, tra gli altri, su Gabriel Garko, Simona Coccia e Stefania Pezzopane, Ilona Staller e il figlio Ludwig Koons, figli famosi, tonache confuse, Taylor Mega un po’ alticcia in collegamento. Così organizzato ‘Live Non è la D’Urso’ nella sua durata sterminata ha riscosso 2,236 milioni di spettatori e il 14,2%, crescendo di quasi un punto e passando in testa alla graduatoria in seconda serata, dopo la fine di ‘Montalbano’.

La D’Urso, inoltre, ha di nuovo battuto Sigfrido Ranucci, che aveva fatto meglio dell’ammiraglia del Biscione nelle prime due puntate. Ieri parlando di social, rider, ultras malavitosi, e rispondendo a Giorgia Meloni che aveva accusato la trasmissione di non essere più seria come una volta, ‘Report’ è cresciuto ed ha comunque ottenuto 1,936 milioni di spettatori e l’8,1% di share, conquistando saldamente il terzo gradino del podio.

Dietro le prime si è difeso discretamente ‘Stasera tutto è possibile’ su Rai2. All’ultima puntata Stefano De Martino è arrivato a 1,651 milioni di spettatori e l’8,2%, precedendo il film fantasy e family di Italia1 (‘La maledizione della prima Luna’ a 1,589 milioni e 7,4%). Più staccato è arrivato Nicola Porro.

‘Quarta Repubblica’ ha schierato tanti ospiti (Lorenzo Fontana, Anna Ascani, Francesco Rutelli, Luca Ricolfi, Alessandro Sallusti, Alain Friedman, Monica Giandotti, Carlo Sibilia, Andrea Romano, Massimiliano Salini, Luigi Amicone, Vittorio Feltri, Paolo Cento, Hoara Borselli, Augusto Minzolini, Gaetano Pedullà, Giampiero Mughini, Franco Bechis, Annalisa Chirico, Giulio Cavalli tra gli altri) facendogli affrontare un ampio bouquet di temi caldi. Porro ha così portato Rete4 a 978mila spettatori con il 5,3% di share, in calo di tre decimali rispetto alla puntata precedente. In coda, infine, ha fatto il solito risultato il telefilm de La7 (‘Grey’s Anatomy’ 670mila e 2,9%). Meno routinaria del solito la sfida dei talk in access, senza Fiorello a rompere le uova nel paniere sul target più maschile.

Su La7 ‘Otto e mezzo’, con Lilli Gruber alla conduzione e tra gli ospiti Beppe Severgnini, Annalisa Cuzzocrea, Alessandro Sansoni e Andrea Scanzi, ha raccolto 1,773 milioni di spettatori e il 6,8%.

Su Rete 4 ‘Stasera Italia’ con Barbara Palombelli alla conduzione, e Maurizio Landini, Federico Rampini, Pietrangelo Buttafuoco, Alberto Castelvecchi e poi Barbara Lezzi tra gli ospiti, ha avuto prima 1,359 milioni spettatori e il 5,33% di share e quindi 1,215 milioni di spettatori e il 4,6%.

Infine il ‘Tg2Post’ con alla conduzione Emanuela Moreno e tra gli ospiti Andrea Margelletti e Alberto Negri, si è fermato a 840mila spettatori e il 3,2%.

In seconda serata, dopo ‘Montalbano’ ha dominato ‘Live non è la D’Urso’ davanti al finale di ‘Stasera Tutto è possibile’ e ‘Frontiere’.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sport e salute, cda assegna contributi 2020: 25 milioni a sport di base e al sociale (+21%). Sabelli soddisfatto: è un primo step

Sport e salute, cda assegna contributi 2020: 25 milioni a sport di base e al sociale (+21%). Sabelli soddisfatto: è un primo step

Mediaset-Vivendi, giudice Milano si riserva decidere sul ricorso dei francesi

Mediaset-Vivendi, giudice Milano si riserva decidere sul ricorso dei francesi

Editoria, Martella: informazione locale presidio di democrazia

Editoria, Martella: informazione locale presidio di democrazia