Disney+ debutta ufficialmente in Usa, Canada e Paesi Bassi. In Italia dal 31 marzo. Robert Iger: momento storico

Dopo mesi di anticipazioni e rumors, debutta ufficialmente Disney+, l’attesa piattaforma streaming della compagnia di Topolino. Il servizio riunisce in unico spazio oltre 500 film e 7500 episodi di serie tv prodotti dai marchi della galassia del colosso dell’intrattenimento, che comprendono, oltre a Disney, anche Pixar, Marvel, Star Wars e National Geographic. Ma oltre ai classici, sono già pronti rilasci di nuove serie, prodotte appositamente per la piattaforma.

“Il lancio di Disney+ è un momento storico per la nostra azienda e segna una nuova era di innovazione e creatività”, il commento di Robert A. Iger, presidente e ceo di The Walt Disney Company.

Al momento disponibile in Usa, Canada e Paesi Bassi, Disney+ dal 19 novembre sbarcherà in Australia, Nuova Zelanda e Portorico, per poi arrivare in Europa dal 31 marzo 2020, in mercati come Uk, Francia, Germania, Italia, Spagna.
Non è chiaro a quale prezzo il servizio sarà proposto in Italia. Al momento, negli Usa agli abbonati è proposto un pacchetto Disney con Disney+, Hulu ed ESPN+ per 12,99 dollari al mese.

La discesa in campo di Walt Disney accende ancora di più la guerra dello streaming, nella quale sono sempre più coinvolti i maggiori colossi della tv e del cinema a caccia di un nuovo pubblico per motivi però diversi. Prossimi al debutto, Peacock di Comcast, atteso nel 2020, sarà gratuito ma con limitata pubblicità per i clienti di Comcast. C’è poi l’atteso servizi di HBO Max, che arriverà nel 2020.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza