Spotify sperimenta una sezione kids, a pagamento e senza pubblicità

Spotify punta sui giovanissimi, e lancia lo streaming dedicato ai bambini. L’app Kids, a pagamento, è separata dalla piattaforma per adulti, senza pubblicità ed è rivolta ai bambini sopra i tre anni e alle loro famiglie. La playlist è composta da canzoni prese da show, film e cartoni più popolari tra i bambini come quelli trasmessi da Disney, Nickelodeon, Discovery Kids, Universal Pictures e BookBeat.

“Spotify Kids è nata per creare un parco giochi sonoro solo per bambini, un luogo divertente dove possono esplorare la loro musica e le storie preferite”, ha spiegato Alex Norstrom, Spotify chief premium business officer.

Alex Norstrom

Il contenuto, spiega la società, è inserito a mano da redattori e l’interfaccia è diversa dalla versione per adulti, con navigazione più semplice e testo ridimensionato. Ogni bambino può anche selezionare un avatar e un colore per personalizzare la propria esperienza.

Il servizio è disponibile al momento in Irlanda e per le famiglie che hanno l’abbonamento Premium Family, ma si espanderà ad altri paesi.
Secondo i dati dell’ultima trimestrale, il numero degli utenti a pagamento di Spotify è aumentato di 5 milioni. Complessivamente a usare Spotify, inclusi coloro che lo fanno gratuitamente, sono invece 248 milioni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ITsArt , la ‘Netflix della cultura’, sulla rampa di lancio.  Sarà una “piattaforma di distribuzione aperta”

ITsArt , la ‘Netflix della cultura’, sulla rampa di lancio. Sarà una “piattaforma di distribuzione aperta”

Su diritti tv Lega Serie A rimanda alla prossima assemblea (verranno fatte “disamine tecniche e giuridiche”)

Su diritti tv Lega Serie A rimanda alla prossima assemblea (verranno fatte “disamine tecniche e giuridiche”)

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”