Anche Google punta alla finanza: in arrivo servizio conti correnti insieme a Citigroup

Google si appresta a entrare nel mondo dei servizi finanziari. Mountain View sta lavorando a un progetto chiamato ‘Cache’, con il quale offrirà conti correnti insieme a Citigroup e Stanford Federal Credit Union. Il lancio è atteso per il prossimo anno. Lo riporta il Wall Street Journal, sottolineando che Google diventa così l’ultimo colosso della Silicon Valley in ordine temporale ad affacciarsi ai servizi finanziari, ambito nel quale vedono sempre più la possibilità di avvicinarsi agli utenti e raccogliere dati preziosi.

Apple ha infatti introdotto una carta di credito, Amazon ha avuto contatti con le banche per offrire conti correnti, mentre Facebook sta lavorando – non senza difficoltà – alla criptovaluta Libra.

(Foto Ansa EPA/JOHN G. MABANGLO)

L’approccio di Google sembra diretto a creare alleati e non nemici, in entrambi i campi, ha spiegato un dirigente di Google, Caesar Sengupta, intervistato dal WSJ. “I marchi degli istituti finanziari, non Google, saranno al centro dei conti”, e lasceremo alle banche “tutte le attività che non potrebbero comunque fare a meno di una licenza”. “Il nostro approccio sarà quello di collaborare a fondo con banche e sistema finanziario”, ha detto Sengupta, secondo cui “potrebbe essere il percorso più lungo, ma è più sostenibile”.

Google sta mantenendo un basso profilo con questo programma, poiché i conti correnti sono un prodotto comune e sul quale le persone non cambiano molto spesso. Ma contengono molte informazioni, tra cui quanti soldi guadagnano le persone, dove fanno acquisti e quali fatture pagano.
Mountain View dovrà convincere un pubblico sempre più diffidente nei confronti del modo in cui le aziende tecnologiche utilizzano i dati personali.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Un italiano su 4 ha ascoltato podcast nell’ultimo mese. Dati Ipsos: giovani e professionisti il pubblico principale

Un italiano su 4 ha ascoltato podcast nell’ultimo mese. Dati Ipsos: giovani e professionisti il pubblico principale

Usa 2020, Trump potrebbe snobbare i dibattiti tv: non si fida degli organizzatori

Usa 2020, Trump potrebbe snobbare i dibattiti tv: non si fida degli organizzatori

<strong> 12 dicembre </strong> Hunziker prevale sul docufilm di Rai1. Male la finale di X Factor

12 dicembre Hunziker prevale sul docufilm di Rai1. Male la finale di X Factor