Gedi-Gnn annuncia 121 esuberi tra i poligrafici

SLC-CGIL FISTEL-CISL UILCOM-UIL informano nella nota  qui di seguito che oggi si è tenuto l’incontro nazionale con GNN – Gruppo Gedi, con l’illustrazione da parte dell’Azienda dell’andamento di mercato che registra un ulteriore calo di vendita dei quotidiani, con conseguente perdita strutturale dei ricavi.

Il mercato pubblicitario è in costante calo sul cartaceo e in una situazione di forte competitività sul digitale, in grande parte assorbito dai cosiddetti Over the Top. GNN ha dichiarato di voler procedere a un accentramento a Torino delle attività di tipografia e di alcune aree amministrative, dichiarando complessivamente 121 esuberi a livello nazionale.

Le segreterie nazionali hanno dichiarato grande preoccupazione per le gravi ricadute occupazionali e ritengono che il confronto debba proseguire anche con la responsabilità diretta e il coinvolgimento delle istituzioni.

Da tempo le riorganizzazioni aziendali prevedono solo tagli dei costi, con perdite di occupazione e professionalità in un settore che necessita di politiche industriali e strumenti di sostegno alla trasformazione.

Pertanto le Segreterie Nazionali dichiarano lo stato di agitazione e invitano le strutture territoriali e le RSU a indire assemblee informative in tutto il Gruppo Gedi, Gnn e partecipate nella giornata di giovedì 14 novembre.

Seguiranno ulteriori informazioni sulle prossime iniziative a sostegno della vertenza.

Le Segreterie Nazionali

SLC-CGIL FISTEL-CISL UILCOM-UIL

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Top 100 informazione online Audiweb. A novembre bene quasi tutti i quotidiani, faticano di più i nativi digitali

Top 100 informazione online Audiweb. A novembre bene quasi tutti i quotidiani, faticano di più i nativi digitali

Netflix pianifica investimenti da 26 miliardi di dollari per produzioni entro il 2028

Netflix pianifica investimenti da 26 miliardi di dollari per produzioni entro il 2028

La speaker Pelosi attacca Facebook: azienda vergognosa. Non si preoccupa della verità

La speaker Pelosi attacca Facebook: azienda vergognosa. Non si preoccupa della verità