Gedi-Gnn annuncia 121 esuberi tra i poligrafici

SLC-CGIL FISTEL-CISL UILCOM-UIL informano nella nota  qui di seguito che oggi si è tenuto l’incontro nazionale con GNN – Gruppo Gedi, con l’illustrazione da parte dell’Azienda dell’andamento di mercato che registra un ulteriore calo di vendita dei quotidiani, con conseguente perdita strutturale dei ricavi.

Il mercato pubblicitario è in costante calo sul cartaceo e in una situazione di forte competitività sul digitale, in grande parte assorbito dai cosiddetti Over the Top. GNN ha dichiarato di voler procedere a un accentramento a Torino delle attività di tipografia e di alcune aree amministrative, dichiarando complessivamente 121 esuberi a livello nazionale.

Le segreterie nazionali hanno dichiarato grande preoccupazione per le gravi ricadute occupazionali e ritengono che il confronto debba proseguire anche con la responsabilità diretta e il coinvolgimento delle istituzioni.

Da tempo le riorganizzazioni aziendali prevedono solo tagli dei costi, con perdite di occupazione e professionalità in un settore che necessita di politiche industriali e strumenti di sostegno alla trasformazione.

Pertanto le Segreterie Nazionali dichiarano lo stato di agitazione e invitano le strutture territoriali e le RSU a indire assemblee informative in tutto il Gruppo Gedi, Gnn e partecipate nella giornata di giovedì 14 novembre.

Seguiranno ulteriori informazioni sulle prossime iniziative a sostegno della vertenza.

Le Segreterie Nazionali

SLC-CGIL FISTEL-CISL UILCOM-UIL

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Le famiglie italiane e la loro ‘nuova normalità digitale’ nel rapporto Auditel/Censis sul lockdown

Le famiglie italiane e la loro ‘nuova normalità digitale’ nel rapporto Auditel/Censis sul lockdown

Rai, per il sottosegretario Martella serve cambiare governance e sistema

Rai, per il sottosegretario Martella serve cambiare governance e sistema

Mia, boom di presenze: 8mila visite on site e online, tantissimi gli stranieri da 50 Paesi

Mia, boom di presenze: 8mila visite on site e online, tantissimi gli stranieri da 50 Paesi