Acque sempre agitate tra giornalisti della Stampa e gruppo Gedi

Condividi

Sempre tesi i rapporti sindacali tra i giornalisti della Stampa e l’editore dopo lo sciopero del 2 e 3 ottobre. IL Cdr del quotidiano torinese ha infatti inviato un esposto alla Fnsi dopo che nelle buste paga di ottobre sono state trattenute le retribuzioni dei due giorni di sciopero anche a i quanti erano in servizio, erano in malattia o erano in ferie programmate da tempo.Alla sede della Stampa, come nelle altre sedi del gruppo Gedi, oggi sono previste assemblee dei poligrafici, 12 dei quali sono coinvolti nel piano di 121 esuberi annunciato ieri ai sindacati nazionali di categoria. Tra l’altro il piano concentra a Torino la preparazione tipografica delle 15 testate della Gnn (ex Finegil).