Rai, giornalista sanzionato per post contro Salvini; Usigrai-Fnsi, due pesi e due misure. Anzaldi: sanzioni solo se toccano la Lega?

Il 4 settembre il giornalista della Rai Fabio Sanfilippo aveva pubblicato sul suo profilo Facebook un post contro le politiche di Matteo Salvini, provocando la reazione del capo della Lega.

Quest’ultimo aveva chiesto che il caporedattore del Giornale Radio Rai fosse punito per il suo comportamento, senza che Sanfilippo si fosse qualificato come tale.

Stando a quanto riferisce l’Agi, a Sanfilippo è arrivata la notifica di un provvedimento di sospensione per 7 giorni dal lavoro e dallo stipendio. Si tratta della massima sanzione prima del licenziamento.

“Non torniamo al merito del post del collega Fabio Sanfilippo, ma ciò che troviamo non tollerabile è che la Rai ancora una volta si muova con due pesi e due misure.Se vuole essere credibile, la Rai deve essere coerente nel sanzionare comportamenti che ledono l’immagine dell’azienda. Tutti. E sempre”. E’ quanto sottolineano in una nota l’Usigrai e la Federazione nazionale della stampa, ricordando che “nei mesi scorsi il presidente della Rai Marcello Foa ha rilasciato una intervista a un giornale israeliano nella quale ha accusato una intera delegazione dell’europarlamento di essere finanziata da Soros. Una notizia falsa. Dalla frequenze di Isoradio, Maurizio Costanzo ha usato, in maniera esplicita e reiterata, un linguaggio vergognoso nei confronti di un radioascoltatore. Ma in questi casi, come in diversi altri, tutto è caduto nel vuoto. Una azienda che agisce in questo modo – concludono Usigrai e Fnsi – delegittima se stessa. (ANSA).

 

“E’ una buona notizia che la Rai inizi a sanzionare i dipendenti che usano i social network per diffondere
odio, insulti o fake news. Non si capisce, però, quale sia il metodo deciso: perché iniziare dal caso Sanfilippo e non dai casi che si sonoverificati prima? Se la vittima è Salvini, la Rai interviene subito,
altrimenti lascia correre?”. Lo scrive su facebook il deputato di Italia Viva e segretario della commissione di Vigilanza Rai Michele Anzaldi.

“Il dubbio viene, se si ripercorrono alcuni dei casi – prosegue Anzaldi – emersi nei mesi scorsi, ben prima del post su Facebook del caporedattore di RadioRai a inizio settembre. Basti ricordare a luglio
i post offensivi della giornalista del Tg2, Anna Mazzone, contro il Pde contro Carola Rackete, in alcuni casi cancellati direttamente da Facebook perché ritenuti di incitamento all’odio. La Rai ha addirittura indirizzato al Tg2 una raccomandazione, ma basta leggere iprofili della giornalista per vedere che è rimasta totalmente inascoltata. C’è stato, poi, a luglio il like inserito dal direttore del Tg2 Sangiuliano ad un tweet del senatore di Forza Italia Gasparri che chiedeva di tappare la bocca al sottoscritto. E se ne potrebbero citare altri”.

“La Rai quando si occuperà anche di questi casi, verificatisi prima diSanfilippo? Solo quando si parla di Salvini c’è una sorta di corsia preferenziale? Entro il 10 dicembre la Rai ha l’obbligo di adempiere
alla Risoluzione della Vigilanza e dotarsi di un codice etico sull’utilizzo dei social, secondo le prescrizioni della commissione. Aoltre un mese dal voto unanime dei commissari, però, non si ha ancora notizia dell’adempimento di Viale Mazzini”, conclude Anzaldi. (Spe-Car/AdnKronos)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Lagarde ai giornalisti: avrò il mio stile di comunicazione;  non abbiate retropensieri e pregiudizi

Lagarde ai giornalisti: avrò il mio stile di comunicazione; non abbiate retropensieri e pregiudizi

Classifiche e trend dei quotidiani più diffusi (Ads). A ottobre calo generalizzato

Classifiche e trend dei quotidiani più diffusi (Ads). A ottobre calo generalizzato

Inpgi, Fnsi: su norme per la salvaguardia del pluralismo e l’autonomia dell’Isituto il governo si rimetta all’Aula

Inpgi, Fnsi: su norme per la salvaguardia del pluralismo e l’autonomia dell’Isituto il governo si rimetta all’Aula