18 novembre Goleada Azzurra, ma fanno bene anche D’Urso (hot) e Ranucci (tech)

Gli Azzurri vittoriosi per nove a uno su Rai1 al posto della replica de ‘Il Commissario Montalbano’, una Barbara D’Urso meno mangia preti ma sempre pimpante e hot su Canale 5, le inchieste di Sigfrido Ranucci che hanno virato su argomenti solo apparentemente meno pop. Sono stati questi gli ingredienti chiave della serata tv di lunedì 18 novembre. Ma vediamo cosa è successo nella sfida, alla fine senza storia, tra le ammiraglie in prima serata.

Su Rai1 il match ‘Italia-Armenia’, con la Nazionale guidata da Roberto Mancini in vantaggio di tre gol già dopo pochi minuti, ha ottenuto 5,7 milioni di spettatori e il 21,74%.

Su Canale 5 Barbara D’Urso si è impegnata a mettere in piedi una versione del programma meno strong di quella di sette giorni prima (con i preti gay e le monache incinta argomento chiave). La trasmissione ha puntato così sulla complessa vicenda umana e storia familiare di Heather Parisi, i vip in bolletta, le intemperanze verbali e caratteriali di Vittorio Feltri e Vittorio Sgarbi, i nudi artistici di Taylor Mega, l’abbondono della carriera porno di Milly D’Abbraccio. Così organizzato ‘Live Non è la D’Urso’ nella sua durata sterminata ha riscosso 2,532 milioni di spettatori e il 15,15% guadagnando un punto di share rispetto a sette giorni prima.

La D’Urso, inoltre, ha di nuovo battuto Sigfrido Ranucci, che aveva fatto meglio dell’ammiraglia del Biscione nelle prime due puntate. Ieri parlando di virus e sistemi sofisticati d’intercettazione, 5G e i pezzi dello Stato che dovrebbero pagare l’Imu, ‘Report’ ha comunque ottenuto una delle sue migliori prestazioni con 2,179 milioni di spettatori e il 9,1% di share, conquistando saldamente il terzo gradino del podio e guadagnando un punto di share rispetto a sette giorni prima. Con il servizio sugli smartphone ‘infettabili’, in particolare, il programma ha superato il 10% sfiorando quota 3 milioni.

Dietro le prime si è difeso discretamente il ‘the best of’ di Stefano De Martino e compagnia. ‘Anche stasera tutto è possibile’ su Rai2 è arrivato a 1,449 milioni di spettatori e 7,5%, battendo la concorrenza fantasy dell’altra rete ‘giovane. Su Italia 1, per la saga de ‘I Pirati dei caraibi’, il nuovo passaggio di ‘La maledizione del forziere fantasma’ ha raccolto 1,437 milioni di spettatori e il 6,85%.

Nicola Porro ha migliorato di quasi duecentomila spettatori il risultato di sette giorni prima. ‘Quarta Repubblica’ ha schierato tanti ospiti (tra gli altri Bruno Vespa, Paola De Micheli, Massimiliano Romeo, Valeria Fedeli, Alessandro Sallusti, Marianna Aprile, Ferruccio Sansa, Giuseppe Cruciani, Pietrangelo Buttafuoco, Luisella Costamagna, Giovanni Negri, Luca Telese, Luigi Amicone, Manlio Di Stefano, Hoara Borselli, Andrea Ruggeri, Piero Sansonetti, Riccardo Magi, Daniele Capezzone, Alessandro Meluzzi) ed ha raggiunto Matteo Salvini con un collegamento a Modena.

Porro ha così portato Rete4 a 1,1 milioni di spettatori con il 6,1% di share (+8 decimali di punto). In coda, infine, ha fatto meglio del solito anche il telefilm de La7 (‘Grey’s Anatomy’ 722mila e 3,1%).

In preserale da segnalare il buon esordio del nuovo game show del Biscione. Su Rai 1 ‘L’Eredità’ con Flavio Insinna alla conduzione ha avuto 3,4 milioni e il 19,9% con la prima parte e poi e 5,147 milioni ed il 24,45%; su Canale 5 ‘Conto alla rovescia’, con Gerry Scotti alla conduzione, ha conseguito 3,253 milioni di spettatori e il 19,63% nella prima parte e poi 4,243 milioni e il 20,84%. Equilibri in linea con la tradizione che vuole un calo gruberiano in presenza del calcio nella sfida dei talk in access.

Su La7 ‘Otto e mezzo’, con Lilli Gruber alla conduzione e tra gli ospiti Roberto Gualtieri e Antonio Padellaro, ha raccolto 1,535 milioni di spettatori e il 5,7%.

Su Rete 4 ‘Stasera Italia’ con Barbara Palombelli alla conduzione, e Roberto Castelli, Federico Rampini, Gianluigi Nuzzi, Antonio Tajani e Gianfranco Pasquino tra gli ospiti, ha avuto prima 1,378 milioni spettatori e il 5,3% di share e quindi 1,316 milioni di spettatori e il 4,9%.

Infine il ‘Tg2Post’ con alla conduzione Emanuela Moreno e tra gli ospiti Lucia Borgonzoni, Mario Ajello e Annalisa Chirico, si è fermato a 961mila spettatori e il 3,6%.

In seconda serata, dopo ‘Italia-Armenia’, già dalle 22.40 ha dominato ‘Live non è la D’Urso’ con la parte con Vittorio Feltri e Vittorio Sgarbi fuori dai gangheri al 21,5% a cavallo della mezzanotte e quella hot, con Taylor Mega, Milly D’Abbraccio e Laura Desirée al 23% nel finale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sport e salute, cda assegna contributi 2020: 25 milioni a sport di base e al sociale (+21%). Sabelli soddisfatto: è un primo step

Sport e salute, cda assegna contributi 2020: 25 milioni a sport di base e al sociale (+21%). Sabelli soddisfatto: è un primo step

Mediaset-Vivendi, giudice Milano si riserva decidere sul ricorso dei francesi

Mediaset-Vivendi, giudice Milano si riserva decidere sul ricorso dei francesi

Editoria, Martella: informazione locale presidio di democrazia

Editoria, Martella: informazione locale presidio di democrazia