Incontro fra Fnsi e Aran sui giornalisti nella Pubblica amministrazione

Raffaele Lorusso, segretario generale della Fnsi (federazione nazionale della stampa italiana), insieme ad Alessandra Costante, vice segretaria, e Tommaso Daquanno, vice direttore, ha incontrato, il 20 novembre 2019, Antonio Naddeo, presidente di Aran (agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni).

L’incontro, come specifica una nota del Fnsi, ha permesso di riprendere la trattativa per la definizione e l’integrazione dei profili dei giornalisti della Pubblica amministrazione, così come indicato nella dichiarazione congiunta del 21 maggio 2018, firmata da Fnsi e Aran, e parte integrante del contratto di lavoro della Pa attualmente in vigore.

cco (Photo by Andrew Neel on Unsplash)

“La definizione del profilo dovrà garantire il corretto inquadramento contrattuale e professionale ai giornalisti della Pubblica amministrazione – dichiara Lorusso – assicurando il rispetto della specificità della professione e coniugandolo con l’esigenza di informare correttamente i cittadini”.

L’incontro con il presidente dell’Aran segue quello avvenuto fra la Fnsi e Fabiana Dadone, ministra per la Pa, per discutere sia la definizione del profilo dei giornalisti nella Pubblica amministrazione, sia la salvaguardia delle posizioni contrattuali determinate autonomamente nel corso degli anni da alcune Regioni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

De Benedetti presenta ‘Domani’: liberale e democratico. Feltri: indipendente, non neutrale. In arrivo una Fondazione

De Benedetti presenta ‘Domani’: liberale e democratico. Feltri: indipendente, non neutrale. In arrivo una Fondazione

Rai, il 1° luglio si sveleranno i palinsesti d’autunno. E la novità Radio2, comedy channel su Rai Play

Rai, il 1° luglio si sveleranno i palinsesti d’autunno. E la novità Radio2, comedy channel su Rai Play

Nella Fase 2 anche il consumo tv torna alla normalità. Aumenta il tempo sui mezzi digitali (+25%) anche per Baby Boomer

Nella Fase 2 anche il consumo tv torna alla normalità. Aumenta il tempo sui mezzi digitali (+25%) anche per Baby Boomer