Stretta di Google agli spot elettorali: non saranno più mirati in base all’affiliazione politica

Google intende imporre delle restrizioni sull’utilizzo della pubblicità politica sulle proprie piattaforme. La nuova politica sarà applicata alle inserzioni su Google Search, YouTube e a tutte quelle che vengono pubblicate sui siti attraverso il software di acquisto pubblicità di Google. Le restrizioni verranno attuate nel Regno Unito nel giro di una settimana, anche in previsione delle elezioni del 12 dicembre, mentre entreranno in vigore entro la fine dell’anno nell’Unione Europea e il 6 gennaio nel resto del mondo.
In America Big G aveva già imposto alcune disposizioni sulla pubblicità politica negli Usa in occasione delle elezioni federali lo scorso anno e intende ora estenderle ai candidati statali, alle votazioni e alle pubblicità che nominano qualsiasi partito politico.

Sundar Pichai (Foto EPA/Toni Albir)

Secondo le nuove disposizioni, la pubblicità politica potrà essere mirata esclusivamente in base all’età degli utenti, al sesso e alla loro posizione calcolata tramite codice postale. Gli inserzionisti politici potranno ancora usare un targeting contestuale, ad esempio mostrando le inserzioni agli utenti che si interessano di un particolare argomento. Sarà invece vietato a politici e candidati prendere di mira intere categorie di utenti ed elettori sulla base della loro affiliazione politica. Questo per stroncare il fenomeno delle fake news che circolano negli spot elettorali.

I cambiamenti adottati da Google arrivano a seguito delle richieste di regolamentazione della pubblicità online avanzate, tra gli altri, anche dalla presidente della Federal Election Commission, Ellen Weintraub.
Alcuni media come il Washington Post sottolineano però come la nuova policy non sembra in grado di poter ostacolare più di tanto il tipo di spot elettorali acquistati da Donald Trump per la campagna 2020, già visti da milioni di persone e in cui sono presenti diverse falsità sull’ex vicepresidente Joe Biden e sui suoi legami con l’Ucraina.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nel 2019 almeno 250 giornalisti in carcere per la loro professione. Cpj: crescono accuse per ‘fake news’

Nel 2019 almeno 250 giornalisti in carcere per la loro professione. Cpj: crescono accuse per ‘fake news’

Fastweb presenta Nexxt, il nuovo headquarter a Milano. Sala: nel segno dell’innovazione urbana. Calcagno: noi partner industriale Sky

Fastweb presenta Nexxt, il nuovo headquarter a Milano. Sala: nel segno dell’innovazione urbana. Calcagno: noi partner industriale Sky

Classifica media italiani più attivi sui social e post con più interazioni. Novembre: Sky Sport sempre in testa, bene GreenMe e SpazioJ, cala il Fatto

Classifica media italiani più attivi sui social e post con più interazioni. Novembre: Sky Sport sempre in testa, bene GreenMe e SpazioJ, cala il Fatto