Huawei: gli Usa concedono licenze di vendita ad alcune aziende

Gli Stati Uniti hanno iniziato ad autorizzare alcune aziende americane a tornare a vendere prodotti alla compagnia cinese. Il Dipartimento del commercio – riferisce la stampa Usa – sta vagliando le richieste di licenze che ha ricevuto, licenze che sono obbligatorie da quando, a maggio scorso, il colosso cinese è stato inserito nella lista nera del commercio statunitense. Al momento, delle circa 300 domande ricevute, ne sono state analizzate intorno alle 150, e di queste la metà sarebbe stata accettata.

Le licenze concesse, ha spiegato un portavoce del Dipartimento secondo quanto riferisce il Wall Street Journal, “autorizzano attività limitate e specifiche che non comportano rischi significativi per la sicurezza nazionale o per gli interessi di politica estera degli Usa”.

Il logo di Huawei (Foto Ansa – EPA/JENS SCHLUETER)

Attualmente non è noto quali compagnie abbiano avuto già risposta. L’attenzione si concentra su Google e le sue applicazioni per smartphone, dalle Mappe a Gmail, a cui Huawei ha dovuto per ora rinunciare sul suo nuovo smartphone top di gamma, il Mate 30, svelato a fine settembre.

Dall’amministrazione Trump è la seconda apertura su Huawei in questa settimana. Lunedì il Dipartimento del commercio ha infatti annunciato una seconda proroga di 90 giorni al bando dello scorso maggio, che consente a Huawei e ai partner Usa di portare avanti gli accordi commerciali già in essere. Una scelta che – ha spiegato il Dipartimento – serve “agli operatori mobili per continuare a servire alcune aree remote degli Stati Uniti”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza