Mediaset, Confalonieri: poche possibilità d’intesa con Vivendi

Le possibilità di un’intesa complessiva tra Mediaset e Vivendi entro il 22 novembre sono “scarse”. Lo afferma all’Ansa il presidente della holding tv di Cologno Fedele Confalonieri a margine dell’inaugurazione di una mostra della Veneranda Fabbrica del Duomo. Una possibile conciliazione di fronte al Tribunale di Milano che ha dato tempo fino al 22 novembre alle parti “mi sembra in alto mare”, ha spiegato Confalonieri, che sul percorso di Mfe ha aggiunto “prosegue tutto secondo copione”.

Fedele Confalonieri (Foto ANSA/FLAVIO LO SCALZO)

Mentre proseguono le trattative tra i legali, Mediaset e Vivendi in ogni caso dovrebbero ripresentarsi domani pomeriggio davanti al giudice del Tribunale di Milano Elena Riva Crugnola, con al centro dell’udienza la modifica degli articoli dello statuto di Mfe considerati lesivi dei diritti dei francesi. Senza un accordo complessivo continuerebbe la battaglia legale su tutti gli altri fronti aperti, a partire dalla richiesta di un risarcimento danni da 3 miliardi di euro a Vivendi da parte del Biscione per la mancata acquisizione di Mediaset Premium, ormai di oltre tre anni fa.

La distanza e anche la diffidenza tra le parti appare comunque ancora sostanziale, con il Biscione che ritiene che gli intenti di fondo di Vivendi siano stati all’origine di un ‘take over’ su Mediaset.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

<strong> 19 ottobre </strong> Gassmann vince, Signorini rimonta, boom Report e Gruber da casa

19 ottobre Gassmann vince, Signorini rimonta, boom Report e Gruber da casa

Cdp, via libera dal Cda a offerta per 88% di Autostrade in mano ad Atlantia. Memorandum entro il 28 ottobre

Cdp, via libera dal Cda a offerta per 88% di Autostrade in mano ad Atlantia. Memorandum entro il 28 ottobre

RILANCIO: CHI FA CHE COSA

RILANCIO: CHI FA CHE COSA