Facebook valuta possibili modifiche per gli spot politici

Facebook sta valutando potenziali modifiche alla sua politica per gli spot politici per combattere le fake news e la disinformazione. Secondo quanto riporta il Wall Street Journal, Menlo Park sarebbe in contatto con inserzionisti democratici e repubblicani per le potenziali modifiche, che potrebbe evitare campagne mirate solo a gruppi di persone molto piccoli.

Mark Zuckerberg (Foto Ansa – EPA/SHAWN THEW)

La valutazione avviata da Facebook riflette le crescenti pressioni sul social sulla questione delle verifiche sulla veridicità delle inserzioni politiche, dopo le modifiche già attuate da Twitter e da Google.
Nei giorni scorsi anche Snapchat ha preso posizione sul tema, con un team che analizza i contenuti di tutti gli spot, compresi quelli politici.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”

Rai, Salini fa causa a Striscia. “Diritto di satira è inviolabile, ma c’è un limite quando si appoggia su notizie non veritiere”

Franceschini (Mic): al lavoro per una nuova legge di sistema per l’editoria su modello della legge per il cinema

Franceschini (Mic): al lavoro per una nuova legge di sistema per l’editoria su modello della legge per il cinema

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE e TOP 10 delle property (Comscore). A gennaio Google e Fb sempre in testa, ma i gruppi italiani accorciano la distanza 

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE e TOP 10 delle property (Comscore). A gennaio Google e Fb sempre in testa, ma i gruppi italiani accorciano la distanza