Google: l’assistente vocale legge anche le news. Tra le testate anche Washington Post, Al Jazeera e Cnn

L’Assistente di Google legge anche le notizie. Al via negli Stati Uniti e in inglese, nel 2020 in altri paesi, la funzione ‘Your News Update’ che rende automatica la ricerca e l’aggregazione dei contenuti audio relativi alle ultime notizie. Queste possono essere riprodotte e ascoltate dall’utente attraverso un semplice comando vocale, indipendentemente dal dispositivo impiegato. Può essere uno smartphone, un altoparlante smart o anche il sistema di infotainment in auto.

cco (Photo by Kevin Bhagat on Unsplash)

L’iniziativa è stata messa in campo da Google in collaborazione con decine di testate e redazioni statunitensi. Tra queste anche Abc Audio, Cbs Local, PRX, Usa Today, Abc, Fox News, The Washington Post, Al Jazeera, Cnn, The Hollywood Reporter, Mashable, Reuters, Associated Press, Daily Beast, Nba, Axios, Billboard e Politico.

Il comando da pronunciare è ‘Hey Google, play me the news’ e in automatico l’intelligenza artificiale produrrà un flusso audio creato con le ultime novità, tenendo conto delle preferenze personali degli utenti, dei suoi interessi e del luogo in cui si trova. Se una notizia non viene reputata interessante si può chiedere di passare a quella successiva.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social e post più popolari a maggio. In vetta ancora Scanzi, mentre Porro supera Mentana

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social e post più popolari a maggio. In vetta ancora Scanzi, mentre Porro supera Mentana

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata