Copyright, Ue segue con attenzione scontro Francia-Google. Vestager: rischio ‘biopotere dei giganti di Internet

La Commissione Europea è in contatto con le autorità francesi per la concorrenza per “stabilire se sia necessaria una indagine ulteriore sulla posizione di Google rispetto alla direttiva Ue sul copyright”. Lo ha detto la commissaria Ue per la concorrenza Margrethe Vestager durante una intervista al sito Euractiv. Secondo la commissaria “può verificarsi un problema di biopotere se un gigante” del web “impone i propri termini e le proprie condizioni non in linea con ciò che è stato previsto dalla nuova legislazione sul copyright”. Citando il biopotere (termine coniato dal filosofo Michel Foucault), Vestager intende riferirsi al modo in cui grandi aziende tecnologiche possono raggiungere obiettivi economici più ampi controllando la popolazione. Nonostante la commissaria abbia sottolineato che resta compito delle autorità per il diritto d’autore trattare la questione, ha anche ricordato che “l’obiettivo principale delle modifiche alle norme Ue su questa materia “è garantire che gli autori di contenuti online siano remunerati”, questo anche per salvaguardare la qualità del giornalismo, musica e settori creativi. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Franceschini (Mic):  in ItsArt ritengo utile e importante coinvolgimento Rai. Barachini: Vigilanza preparerà un atto

Franceschini (Mic): in ItsArt ritengo utile e importante coinvolgimento Rai. Barachini: Vigilanza preparerà un atto

Sanremo 2021, prima serata: perchè Ama e Fiore calano. L’uscita degli over 55, non compensata dal buon aumento dei giovani. Fuga dei 75+

Sanremo 2021, prima serata: perchè Ama e Fiore calano. L’uscita degli over 55, non compensata dal buon aumento dei giovani. Fuga dei 75+

Il presidente della Germania, Steinmeier: “social pericolo per democrazia”. E Facebook paga gli editori dei quotidiani tedeschi

Il presidente della Germania, Steinmeier: “social pericolo per democrazia”. E Facebook paga gli editori dei quotidiani tedeschi