Rai, CdR TG3: serve legge che sottragga azienda a propaganda e lottizzazione

“I giornalisti del Tg3 recepiscono con disagio i titoli di giornale di questi giorni che alludono a questo o quel partito sul punto di conquistare o conservare la testata secondo la logica spartitoria legata agli equilibri del momento. Tali titoli, che fanno male alla reputazione di tutta l’Azienda, sono l’esito sconcertante della legge del 2015 che sancisce definitivamente la presa dei partiti sulla RAI” E’ quanto si legge in una nota del Cdr del Tg3 che prosegue così:

!La redazione del Tg3 ribadisce l’unico atto che la buona politica deve fare per il Servizio Pubblico radiotelevisivo e multimediale: una legge di governance che finalmente sottragga la RAI ai giochi della propaganda e della lottizzazione, nell’interesse dei cittadini che pagano il sacrosanto canone.
La redazione del Tg3, orgogliosa della propria storia di buon giornalismo, vuole rassicurare gli italiani: rifiutiamo con intransigenza le logiche padronali, il nostro unico interesse e obiettivo è offrire al pubblico un’informazione completa e verificata, secondo i principi di indipendenza e pluralismo che sempre ci contraddistinguono.”

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Giornalisti: nasce la mutua Casagit Salute

Giornalisti: nasce la mutua Casagit Salute

<strong> 11 dicembre </strong> I Medici chiude calando, sorpresa Salemme. E Atalanta

11 dicembre I Medici chiude calando, sorpresa Salemme. E Atalanta

Sviluppatori software e consulenti digitali, cresce la richiesta di professionisti Ict in Italia: 106 mila offerte nel 2018 (+27%)

Sviluppatori software e consulenti digitali, cresce la richiesta di professionisti Ict in Italia: 106 mila offerte nel 2018 (+27%)