Cdp: nomine in nove partecipate

Raffica di nomine a Cassa Depositi Prestiti. Il cda, che si è riunito il 26 novembre, ha designato i candidati Cdp di nove delle sue società partecipate, fra le quali Sace a Fintecna a Simest. E’ un passaggio tecnico che sarà confermato dall’Assemblea. Tutte le cariche sono state rinnovate.

In qualità di amministratore delegato di Sace, Cdp ha scelto uno dei suoi dirigenti: Pierfrancesco Latini che fino ad oggi ha ricoperto il ruolo di Chief Risk Officer del Gruppo Cassa Depositi e Prestiti. Alla presidenza è stato chiamato Rodolfo Errore.
Per Simest sono stati nominati Mauro Alfonso come amministratore delegato e Pasquale Salzano come presidente (Salzano ricoprirà anche l’incarico di Chief International Affairs Officer di Cdp).
Per Fintecna è stato scelto Antonino Turicchi (a.d) e Vincenzo delle Femmine (Presidente). Mentre Donato Iacovone è indicato come presidente nella “nuova” Salini Impregilo che è nata per il “progetto Italia”.

Con la nomina di Enrico Resmini ad amministratore delegato entra nell’operatività il “fondo nazionale di innovazione” denominato Invitalia Ventures SGR. Il fondo ha una dotazione che potrà arrivare fino a 1 miliardo e sarà a supporto dell’innovazione. Nominati anche i vertici di Cdp Immobiliare con Giorgio Righetti (Presidente) e Emanuele Boni (ad); Cdp Investimenti con Raffaele Ranucci (Presidente) e Marco Doglio (ad); Fondo Italiano d’Investimento con Antonio Pace (ad), Sia con Federico Lovadina (presidente).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mediaset: nuovo ricorso di Vivendi al Tar contro Agcom

Mediaset: nuovo ricorso di Vivendi al Tar contro Agcom

Rai, l’8 luglio audizione in Vigilanza per l’ad Salini. Sul tavolo la policy sugli agenti delle star e la sua attuazione

Rai, l’8 luglio audizione in Vigilanza per l’ad Salini. Sul tavolo la policy sugli agenti delle star e la sua attuazione

Istat, durante il lockdown riscoperti radio, tv, libri e quotidiani. Offline oltre 6 milioni di famiglie, in particolare al Sud

Istat, durante il lockdown riscoperti radio, tv, libri e quotidiani. Offline oltre 6 milioni di famiglie, in particolare al Sud