Vivendi: da Mediaset segnali contrastanti, ma pronti all’intesa. La replica: mano passata ai francesi

Continuano le schermaglie a distanza tra Mediaset e Vivendi, alla ricerca di un accordo sulle cause civili, in vista dell’udienza di venerdì al Tribunale di Milano . Questa mattina da fonti vicine al dossier dalla parte francese avevano affermato: “In questi giorni Vivendi ha ricevuto segnali molto contrastanti da Mediaset sulla volontà di raggiungere un accordo. Vivendi è ed è sempre stata disponibile in buona fede a trovare una soluzione condivisa”.

I francesi sperano “ancora che Mediaset farà una proposta equilibrata sulla vendita delle azioni di Vivendi e con garanzie per il pieno rispetto dei diritti degli azionisti di minoranza e i principi di base di ‘corporate governance'”.

Nel collage (foto Ansa), da sinistra: Vincent Bollorè e Pier Silvio Berlusconi

“Non comprendiamo il senso di questa dichiarazione: è stata Vivendi a presentare a Mediaset tre proposte. Una è stata scartata, sul tavolo ne restano due con le nostre controproposte”, la risposta trapelata da fonti della holding tv di Cologno. “A questo punto la mano è già passata a Vivendi, come ben sanno”, concludono le fonti Mediaset dopo che i francesi hanno parlato di segnali contrastanti dicendosi comunque pronti a una soluzione in vista dell’udienza di venerdì al Tribunale di Milano per trovare una conciliazione sulle cause civili.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Un italiano su 4 ha ascoltato podcast nell’ultimo mese. Dati Ipsos: giovani e professionisti il pubblico principale

Un italiano su 4 ha ascoltato podcast nell’ultimo mese. Dati Ipsos: giovani e professionisti il pubblico principale

Usa 2020, Trump potrebbe snobbare i dibattiti tv: non si fida degli organizzatori

Usa 2020, Trump potrebbe snobbare i dibattiti tv: non si fida degli organizzatori

<strong> 12 dicembre </strong> Hunziker prevale sul docufilm di Rai1. Male la finale di X Factor

12 dicembre Hunziker prevale sul docufilm di Rai1. Male la finale di X Factor